lunedì 2 settembre 2013

POPCORN: COME TI SPACCIO LA FAMIGLIA


Amici vicini e lontani, ero titubante a recensire questo film perchè nonostante si tratti di una commedia comica e di risate non se ne hanno mai a sufficienza, l'argomento trattato non suscita affatto la mia simpatia: lo spaccio di marijuana. Anche se leggera, sempre di droga si tratta. Hanno voglia coloro che ne fanno uso, in troppi per la verità, a diffondere l'errata diceria che le droghe light non danneggiano la salute. Mi piacerebbe vedere come saranno i loro neuroni tra qualche annetto. Non si rendono conto, gli stolti, che la vita può essere meravigliosa senza bisogno di sballarsi e che se proprio bisogna assuefarsi a qualche sostanza, tanto vale farlo con qualcosa per cui ne valga davvero la pena, tipo la crema che sta nei krapfen per esempio. Ma torniamo all'argomento odierno: Come ti spaccio la famiglia, con Jennifer Aniston. Ora devo confessarvi che in una scala da uno a dieci delle mie preferenze riguardo le attrici femminili, lei occupa il quarantesimo posto ma in questa commedia mi ha piacevolmente sorpresa. Beh, anche gli elfi possono cambiare opinione, ricordate che solo gli stupidi non lo fanno.

David Burke (Jason Sudeikis) è da sempre un piccolo spacciatore di erba che non si è mai costruito una famiglia. La sua vasta clientela va dall'avvocato in carriera alla casalinga disperata e grazie ad essa, riesce a sbarcare il lunario senza troppe difficoltà. Una sera come tante David però subisce una rapina e contrae così un debito di parecchie migliaia di dollari con Brad (Ed Helms), il suo boss. Brad, invece di farlo secco come di regola in questi casi, offre a David la possibilità di riscattarsi: dovrà fingere di lavorare per un tale Pablo, cioè lo stesso Brad e ritirare una "piccola partita" di marijuana in Messico, attraversando il confine con un camper. David non ha altra scelta che accettare, ma deve escogitare un modo per non suscitare sospetti durante i controlli alla dogana. Decide che avrà più possibilità di successo se accompagnato nel suo viaggio da un'allegra famigliola anzichè da single.

Chiede quindi l'aiuto dei suoi vicini di casa, Rose (Jennifer Aniston) una spogliarellista, Kenny (Will Polter) un ragazzotto poco sveglio e Casey, (Emma Roberts) una senzatetto piena di pearcing e tatuaggi. Saranno i Miller, pronti a partire per festeggiare il 4 luglio in Messico, sotto lauta ricompensa ovviamente. Obbiettivo finale: attraversare il confine in scioltezza, ritirare la merce dal fornitore messicano e tornare al tiepido focolare di Brad senza troppi intoppi. Il navigatore satellitare li porta a destinazione e dopo aver fraternizzato con l'energumeno che sta di guardia al tesoro e i suoi uomini, David e la sua famiglia fittizia vengono portati al deposito dove si rendono conto che la "partitella di droga" ammonta a due tonnellate, praticamente il camper ne viene invaso. Con qualche preoccupazione in più, la famiglia Miller riparte, riusciranno a tornare in America senza finire dietro le sbarre?

In effetti questa famiglia sghemba e improbabile di risate ne fa fare parecchie, anche se la trama non brilla certo per originalità o significati profondi. Avrei sicuramente apprezzato qualche parola volgare in meno dato che la visione è accessibile anche ai più giovani, ma posso chiudere un occhio su questo punto, ho udito di molto peggio in un film non vietato. Per bilanciare il tutto ci sono molte scene esilaranti che comprendono il morso di una tarantola infiltratasi nei pantaloni dello sventurato Kenny e la conta per chi dovrà "fare compagnia" ad un poliziotto messicano che esige la sua tangente particolare per lasciar ripartire i Miller. La performance della Aniston in questa commedia è stata buona: le sue buffe espressioni e la sua simpatia mi hanno divertita. Ha dimostrato di essere ancora sulla cresta dell'onda e in perfetta forma con uno spogliarello che il pubblico maschile gradirà senza dubbio. Jason Sudeikis ha il viso da mascalzone impertinente che prenderesti a schiaffi ogni quarto d'ora, perfetto nella parte di David: all'inizio cinico e attaccato solo al guadagno, in un secondo tempo capirà che in fondo i dollari sono il gradino più basso della scalata per la felicità.

Che dire di Will Polter? l'avevo già visto recitare ne Le Cronache di Narnia, il principe Caspian, paragonato a Ben Barns pareva il brutto anatroccolo appena uscito dal guscio. In compenso lo trovo molto simpatico e adatto al ruolo di impacciato cronico. Brava anche la Roberts, degna figlia dell'affascinante attore Eric, nei panni della furba e tatuata Casey. In fondo questa storia non fa altro che confermare ciò che noi tutti sappiamo: l'affetto può nascere anche tra persone totalmente differenti fra loro e che le situazioni inizialmente disastrose possono migliorare e cambiarci la vita. Equivoci, inseguimenti e battute abbondano in un film che risulterà ancora più piacevole se visto in compagnia di amici, davanti ad una gigantesca ciotola zeppa di pop-corn. Vi consiglio di guardare le scene tagliate che vengono dopo i titoli di coda, sono davvero carine. In particolare quella dove Jennifer scoppia a ridere mentre ascolta la mitica sigla del telefilm Friends che ha lanciato la sua carriera di attrice, alla radio del camper. Non mi resta che augurarvi buona visione allora, alla prossima.

Voto: images/Gif_free1/stella_star_favoriti.gifimages/Gif_free1/stella_star_favoriti.gifimages/Gif_free1/stella_star_favoriti.gif


4 commenti:

  1. Indil, bellissima divertentissima recensione. A me la Aniston piace dai tempi di Friends e mi ha fatto sempre ridere, però dai tempi del telefilm sembra diventata più freddina... Cmq il film deve essere spassoso. Grazie per la dritta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ancora grazie mille cara!^^a me la Aniston non fa impazzire ma in questo film se l'è cavata egregiamente, molto simpatica!:)puoi vederlo se ti va di fare quattro risate e rilassarti un pò!:)

      Elimina
  2. Divertente e ironica come sempre cara Indil! Ho voglia di farmi quattro risate quindi credo che non mi lascerò sfuggire questo film, anche perchè la Aniston mi è sempre piaciuta! La trovo simpatica e dopo l'abbandono di Brad mi sono messa dalla sua parte...sarà che non ho perso una puntata di Friends!

    RispondiElimina
  3. Si il film è carino a parte qualche parola volgare di troppo, ma i film attuali ci hanno abituato a cose ben peggiori e poi in questo caso fanno un pò parte dell'umorismo della pellicola. Gli americani usano spesso un linguaggio diciamo così "colorito"...@.@

    RispondiElimina

Caro lettore, leggere un tuo commento è per me una cosa preziosissima. Se il post ti è piaciuto lascia un segno del tuo passaggio, prometto che ti risponderò presto, e se ti va condividilo su Google+.
P.S. Se volete affiliarvi con Libri D'incanto mandatemi una mail o lasciate un commento nella sezione del menù "Affiliazioni". Non nel post, per favore.
P.P.S. Se volete farmi conoscere i vostri giveaway mandatemi semplicemente una email. Grazie ^-^