lunedì 14 ottobre 2013

POPCORN: WITCHES OF EAST END SERIE TV


Ciao ragazzi e bentornati all'appuntamento con Popcorn. Oggi voglio parlarvi di una serie tv che ha esordito il 6 ottobre su Lifetime, tratta dal romanzo omonimo di Melissa de la Cruz, pubblicato nel 2011 da Leggereditore: Witches of east end. Come avrete capito dal titolo, si parla di streghe. Nessuna figura fantasy è più affascinante delle cara signora con il cappello a punta e la scopa, intenta a creare intrugli e pozioni nel suo famigerato calderone. Questa è un pò l'immagine che abbiamo riguardo le maliarde (almeno è la mia, da quando vidi per la prima volta la strega Bacheca di Braccio di Ferro, quella gran simpaticona!), ma devo dire che i telefilm di ultima generazione (vedi Streghe), ce le mostrano con un aspetto tutt'altro che spiacevole. Bando quindi a nasi adunchi e bitorzoluti e benvenuti occhi seducenti e chiome splendenti. Personalmente ho sempre invidiato le streghe per i loro favolosi poteri: chi di noi non ha sognato almeno una volta di fare magie? Molti saranno d'accordo con me nell'affermare che tutte le donne in fondo sono un pò streghe: a partire dal tipico sesto senso femminile per finire ad alcuni aspetti caratteriali non proprio... angelici. Vi sarà capitato di sentirvi urlare dietro: "sei proprio una strega!". Non vi è mai successo? a me capita tutti i giorni, ho imparato a passare sopra a questo genere di accuse...in tutti i sensi.

Joanna Beauchamp (Julia Ormond) insegna arte ad East Haven, una piccola cittadina dove vive con le sue due figlie: Ingrid (Rachel Boston) e Freya (Jenna Dewan Tatum). Oltre ad essere un'insegnante, Joanna è una strega immortale che ha subito una tremenda maledizione a causa della quale è costretta a rivivere incessantemente, la continua morte e rinascita delle figlie. Le due giovani sono sempre decedute a causa della magia e non sono mai riuscite a superare i trent'anni. Joanna, stanca di vederle morire e subito dopo rinascere (in pratica questa donna ha passato in stato interessante gran parte dell'eternità...credo che dopo secoli le nausee mattutine risultino estenuanti), decide di tenere segreti i loro poteri. In questa vita quindi, Freya ed Ingrid crescono come due semplici ragazze mortali. Nonostante gli sforzi di Joanna, le due sorelle sembrano destinate a scoprire la loro vera natura, grazie anche al susseguirsi di eventi bizzarri e strane coincidenze. Ingrid la maggiore, bibliotecaria razionale e scrupolosa cerca per ogni avvenimento una spiegazione scientifica, mentre Freya molto più fatalista ed irrequieta, è praticamente convinta di avere delle capacità particolari. Freya sta per sposarsi con un giovane medico di nome Dash (capisco che la decisione sul nome da dare al proprio figlio sia personale, ma o questa madre all'epoca ignorava le marche dei detersivi o stava ubriaca persa), ma i sui sogni sono turbati dalla presenza di un misterioso ragazzo, dal quale si sente fortemente attratta. Sarà proprio durante la festa organizzata per il suo fidanzamento che Freya incontrerà  Killian, (una bella alternativa a Dixan) l'uomo dei suoi sogni e fratello del promesso sposo.

Nel frattempo, una strana creatura con le sembianze di Joanna (che ha degli occhietti da far invidia ad uno dei Visitors), se ne va in giro a squartare innocenti. Ha tutta l'aria di volersi vendicare di qualche torto subito in precedenza da parte delle streghe Beauchamp. Per raggiungere il suo scopo, tira "letteralmente fuori da un quadro" dove è stato imprigionato, una vecchia conoscenza di Freya o meglio un innamorato respinto che vuole farle la festa, non certo quella di fidanzamento. Ad avvisare le streghette del pericolo imminente giungerà zia Wendy, donna eccentrica ed affascinante che può trasformarsi in gatto (nero, come di regola quando si parla di streghe) e che passa il suo tempo a mettere a repentaglio le sue nove vite (se contiamo l'auto che le passa sopra, l'accoltellamento e qualche altra vita dissipata in precedenza, mi sa che gliene restano davvero poche). La fine della puntata vede Freya inseguita dall'innamorato respinto e Joanna, arrestata per un omicidio commesso dal suo doppelganger cattivone che, tanto per restare in allenamento, accoltella la povera Wendy (peccato perchè la zietta mi stava simpatica, mi sbaglio o le resta qualche altra vita da gatto?). Ingrid, che sentiva puzza di bruciato già di suo, viene messa al corrente della verità sulla propria famiglia da Joanna, poco prima dell'arresto. Quale destino attende le splendide streghe Beauchamp?

Ho iniziato a guardare questa serie grandemente pubblicizzata, perchè sono una nostalgica di Charmed (Streghe) e speravo che le vicende fossero altrettanto avvincenti e in effetti qualche analogia c'è. Le quattro streghe Beauchamp pare si siano fatte prestare la casa dalle cuginette Halliwell, l'edificio è praticamente identico. C'è da sospettare, se non fosse per il fatto che quella di Prue, Phoebe e Piper si trova a San Francisco. Inoltre Freya mi ricorda l'indimenticabile Phoebe.  Devo dire che l'inizio della storia non mi è sembrata affatto male: c'è la giusta dose di mistero e i personaggi sono interessanti (e davvero niente male dal punto di vista estetico, vedi Killian). Che una delle protagoniste sia Julia Ormond per me è una garanzia, è un 'attrice molto brava e lo ha dimostrato in Vento di passioni e L'ultimo cavaliere, nel quale interpretava una perfetta Ginevra. Mi ha fatto davvero piacere ritrovare due mie vecchie conoscenze: Madchen Amick che interpreta Wendy, già vista nel mitico Twin Peaks (serie che ha decretato il mio tracollo mentale) e Tom Lenk alias l'Andrew di Buffy l'ammazzavampiri. Mi hanno fatto sprofondare in un oceano di nostalgia e ricordi di una gioventù che non mi sforzo più nemmeno di rincorrere data l'artrosi.

Il personaggio della serie che più mi ha colpita e' senza dubbio la pazza zia Wendy: è simpatica, sopra le righe ed ha la fortuna di trasformarsi nell'animale che più amo in assoluto, il gatto. Sono sicura che vi piacerà. Anche Freya brilla di luce propria: ha l'aria da eterna svampita ma credo che, al momento opportuno, tirerà fuori gli artigli. Spero li affili sulla faccia della futura suocera, che praticamente le ha dato della zoticona alla sua festa di fidanzamento. L'unica nota dolente di tutta la storia è il triangolo amoroso alla The vampire diaries fra Dash, Freya e Killian: li odio i triangoli amorosi, è più forte di me. A questo proposito faccio un appello disinteressato a Freya: "scegli Killian che è bello da paura e facciamola finita qui!" Ora non ci resta che scoprire chi è il malvagio doppione di Joanna e se Freya riuscirà a sfuggire alla sua vecchia fiamma liberata dal quadro in salotto (io una controllatina ai dipinti di casa la darei, giusto per dormire sereni la notte). Mi auguro che gli autori procedano sulla via della lungimiranza e non inciampino nelle solite scene hard che ultimamente sono tanto di moda nei telefilm, sarebbe un peccato. Non avendo letto i libri non posso fare paragoni, c'è da segnalare il fatto che nei romanzi della de la Cruz, non esiste il personaggio di  Wendy creato apposta per la serie: ottima scelta. Le premesse sono buone, quindi non ci resta che accomodarci in poltrona e lasciarci trasportare dalla magia.

Voto: images/Gif_free1/stella_star_favoriti.gifimages/Gif_free1/stella_star_favoriti.gifimages/Gif_free1/stella_star_favoriti.gif


6 commenti:

  1. Cara Indil proprio come te mi hanno spesso affibbiato l'appellativo di strega... Comunque quando si parla di streghe la mia attenzione aumenta e anche il mio coinvolgimento emotivo non so xkè...quindi questa recensione l'ho adorata fin da subito!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara Iris!^^ Se ti piacciono le streghe questa è la serie che fa per te. A me Joanna, Freya ed Ingrid piacciono e credo le appezzerai anche tu!:)

      Elimina
  2. Vorrei vederlo e penso che lo vedrò, il tuo commento è stato incoraggiante... Probabilmente non riuscirò a seguirlo da subito (troppi telefilm da guardare e troppo poco tempo, accidenti! XD), ma mi riprometto sicuramente di tenerlo d'occhio! Mi piacerebbe leggere il libro, anche! ;D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Sophie!^^ a chi lo dici...io ho perso il conto dei telefilm che seguo, il fatto è che se ne aggiungono sempre di interessanti e per noi appassionate è una dolce condanna!:) Comunque, questo credo meriti un pò d'attenzione e poi le streghe non deludono quasi mai. Ho letto che anche i libri sono belli, coraggio allora!:D

      Elimina
  3. Cara Indil le tue recensioni stupende mi fanno sempre ridere come una pazza. E' ora che tu chiarisca la tua età perché se continui così ti scambieranno per un'ottantenne quando in realtà ne hai molti di più ;-). Cmq il telefilm sembra interessante anche se le streghe non sono proprio le mie preferite perché mi hanno messo l'ansia fin da bambina. Cmq da adesso per colpa tua guarderò dietro ai quadri :-(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahahah!davvero capo sono riuscita a suggestionarti? Io non ho problemi perchè l'unico quadro che ho in salotto raffigura un vaso di fiori: sto in una botte di ferro!:D Ma lo sanno tutti che sono bicentenaria...non c'è bisogno di chiarimenti!:)

      Elimina

Caro lettore, leggere un tuo commento è per me una cosa preziosissima. Se il post ti è piaciuto lascia un segno del tuo passaggio, prometto che ti risponderò presto, e se ti va condividilo su Google+.
P.S. Se volete affiliarvi con Libri D'incanto mandatemi una mail o lasciate un commento nella sezione del menù "Affiliazioni". Non nel post, per favore.
P.P.S. Se volete farmi conoscere i vostri giveaway mandatemi semplicemente una email. Grazie ^-^