mercoledì 2 ottobre 2013

RECENSIONE: IL LIBRO DI RUTH di LENA VALENTI

Siamo giunti al secondo capitolo della saga Vanir scritto dalla spagnola Lena Valenti. Destino, passione, redenzione sono gli elementi cruciali di questa serie che stupisce per il suo linguaggio appassionato e duro, una storia che sorprende fin dalle prime pagine e cattura come nessun altra. 


Titolo: Il libro di Ruth
Autore: Lena Valenti
Editore: Fanucci
Pagine: 672
Prezzo: € 14,90

Arrivata a Londra per fare visita alla sua migliore amica Aileen, Ruth non avrebbe mai immaginato di ritrovarsi coinvolta in una guerra fra esseri immortali creati dagli dèi vani e asi. I traumi e le voci del passato tornano a tormentarla, ma Ruth non sa che il suo più grande timore può trasformarsi in un'opportunità per ritrovare se stessa e scoprire chi è veramente: la Cacciatrice, la più potente fra le sacerdotesse della dea Nerthus, colei che può condurre le anime perdute al riposo eterno. Ma il destino la mette nelle mani di Adam un Berserker moro e taciturno che non crede a quanto lei rappresenta e, anzi, ossessionato da visioni oscure e sanguinarie, la ritiene pericolosa per il suo clan. In un gioco di volontà, resistenza e desiderio, Ruth e Adam dovranno cedere all'attrazione l'uno per l'altro e superare rancori e pregiudizi per affrontare uniti, come la Cacciatrice e il Signore degli Animali, la minaccia del Ragnarok, la fine dei tempi che si sta avvicinando.

                    RECENSIONE               

"Ci sarà una battaglia finale tra le forze celesti e quelle dell’Inframondo. Sarà una lotta feroce che darà origine e fine ai tempi conosciuti. Questa sarà l’ultima guerra, in cui gli dèi giungeranno al tramonto e in cui demoni e umani periranno nel giorno chiamato ‘La fine dei tempi’, il Ragnarők" 


Il Ragnarők ebbe origine quando Loki, figlio dei giganti e considerato un tempo fratello di sangue di Odino, rifiutò di inginocchiarsi di fronte all’inferiore razza umana. Odino voleva che gli umani si evolvessero, che diventassero maestri dei propri maestri, ma Loki si rifiutò di concedere un’opportunità all’umanità che non meritava tale misericordia e così Odino lo imprigionò nelle carceri di Asgard, ma poi Loki fuggì e discese nel Midgard, la Terra, per prendersi gioco dell’umanità e porre fine al progetto di Odino. Fu allora che le due famiglie del pantheon scandinavo, che in tempi passati avevano vissuto come nemiche, gli Asi comandati da Odino e i Vani unirono di nuovo le forze per creare i Berseker e i Vanir per proteggere l’umanità dalle insidie di Loki. Odino scelse i propri guerrieri Berseker e li toccò con la sua lancia per donare loro l’od, la furia animale trasformandoli in creature simili al lupo, il suo animale preferito. Li fece scendere sulla terra per tenere a bada Loki e in un primo tempo ciò fu possibile, ma Loki trasformò alcuni di questi guerrieri in lupoidi, esseri abominevoli e assetati di sangue che potevano sembrare umani ma che, una volta mutati, diventavano veri e propri mostri, i cosiddetti uomini-lupo. Allora la Terra piombò nel caos e furono sempre meno i Berseker in grado di rinnegare Loki. Fu in quel momento che i Vanir aiutarono gli dèi Asi creando una propria razza di guerrieri che potessero rappresentarli sulla terra. Ma i Vanir non avevano esperienza dell’uso delle armi e delle arti della guerra, essendo dèi della bellezza, dell’amore, dell’arte e della fecondità, della sensualità e della magia. Per tanto scelsero i guerrieri umani più potenti della Terra e li mutarono, dotandoli di doni soprannaturali. Ma gli dèi Vanir Njörd, Frey e Freyja diedero loro anche alcune debolezze temendo che un giorno questi potessero divenire più potenti di loro. Così nacquero i Vanir, uomini e donne immortali che avevano poteri telepatici e telecinetici, potevano parlare con gli animali, sapevano volare, avevano i canini come i loro creatori Vani, ma non potevano esporsi alla luce del sole e, per di più, avrebbero dovuto sopportare il tormento di una fame eterna finché non avessero incontrato la propria metà. Ma Loki, conoscendo la loro debolezza, li tentò e molti Vanir passarono nelle sue fila trasformandosi in vampiri, esseri egoisti che succhiavano la vita e il sangue umano. Ora i Berseker e i Vanir che non si sono venduti a lui saranno obbligati a mettere da parte ogni differenza e a restare uniti per lottare contro tutti coloro che tramano affinché il Ragnarök giunga sulla Terra e porti alla distruzione dell’umanità.   
Questo è il riassunto (di una versione più dettagliata) che fa da introduzione al romanzo e che toglie alcuni dubbi che ci avevano lasciato il primo. I protagonisti questa volta sono Ruth, la migliore amica di Aileen conosciuta ne Il libro di Jade (recensione qui) e Adam del clan dei Berseker. 
Ruth è una ragazza solare e temeraria, che ha sempre l’ultima battuta e che non scappa di fronte alle situazioni peggiori. Una ragazza che ha subito un’infanzia traumatica, e che ha accettato l’esistenza di un mondo paranormale con grande determinazione e coraggio. Oggi Ruth vive con Gabriel, il suo migliore amico e lavora assieme ai Berseker e ai Vanir per stanare lupoidi e vampiri che catturano e torturano vittime innocenti per conto di Loki. Adam invece è un uomo indurito dalla vita e dagli insegnamenti del padre e a cui gli sono stati strappati via gli affetti più cari, l’unica fonte di gioia sono i due nipotini di cui si occupa fin dalla nascita. Adam e Ruth provengono da due mondi completamenti diversi ma il destino ha in serbo per loro delle grosse sorprese. 
Adam non fa che sognare Ruth, ma i suoi non sono sogni solo passionali, ma vere e proprie premonizioni in cui lui vede la giovane trafiggerlo con delle frecce, perché Adam è lo sciamano del clan: un preveggente. Nel frattempo il passato di Ruth torna a perseguitarla. Comincia a sentire una voce nella sua tosta che la implora di aiutarla, una sorte di maledizione per Ruth che la perseguita fin da bambina, finché la ragazza non conosce le origini della sua vera natura. Ruth è la sacerdotessa della dea Nerthus, colei in grado di richiamare a se le anime dei morti e condurle al riposo eterno. In qualche modo il suo destino è intrecciato inevitabilmente a quello del Berseker. Adam tormentato dai sogni decide di rapire e incatenare Ruth per impedirle di portare a termine la sua missione. E quando la premonizione si avvera, Adam scopre che si è rivelato tutto un grosso fraintendimento. Per cercare di fare ammenda il guerriero diventa lo schiavo personale di Ruth nascondendo alla ragazza che solo l’amore gli potrà togliere le catene. 
Il libro mi è piaciuto tantissimo. La storia scorre che è una meraviglia, e devo dire la verità…tutto ciò mi ha sorpreso perché non pensavo scoccassero così tante scintille tra i protagonisti. Scintille che forse faranno arrabbiare alcuni di voi, ma che a me hanno decisamente convinto. Forse perché il sentimento non scocca fin dalle prime pagine, o meglio, c’è ma è nascosto da così tanta passione e un profondo odio viscerale che non puoi far a meno di apprezzarlo quando sboccia davvero. Tra Adam e Ruth è guerra fin dall’inizio. Forse mi aspettavo qualcosa di diverso dall’atteggiamento di Ruth perché nonostante proclamasse la sua vendetta nei confronti di Adam, la compassione e la tenerezza che la ragazza provava avevano sempre la meglio. Adam invece è duro di comprendonio. Il suo comportamento e la lingua tagliente hanno il potere di distruggere l’ego della ragazza come nessun altro e tra i due ci sono molti tira e molla. Le scene hot sono molto descrittive perché la Valenti non censura niente, per cui la serie è consigliata ad un pubblico adulto e che apprezza questo genere. Ma la storia si concentra anche sull’evolversi degli eventi in cui è coinvolta l’umanità intera, perché la fine dei tempi, il Ragnarök, sembra essere sempre più vicino. Le forze del male cominciano a serrare i ranghi e gli dèi si stanno preparando a sostenere i loro guerrieri immortali.
L’autrice oltre a raccontarci la storia d’amore di Adam e Ruth da spazio a tutti gli altri protagonisti della serie. Ci sono tanti colpi di scena che coinvolgono molti di loro, ma di cui sapremo qualcosa soltanto nei successivi libri. La Valenti ci lascia con tanto amaro in bocca e l’unica cosa è sperare che la casa editrice li pubblichi in fretta. Ma la storia d’amore che colpisce più di quella di Aileen e Caleb e Adam e Ruth è quella molto tormentata di Menw e Daanna (sorella di Caleb) protagonisti del terzo romanzo. Dal modo in cui gli abbiamo lasciati si deduce che ne vedremo delle belle e che non saranno di certo rose e fiori. 

Giudizio finale: Libro bellissimo, colpi di scena incredibili e tanta ma tanta passione.  

images/Gif_free1/stella_star_favoriti.gifimages/Gif_free1/stella_star_favoriti.gifimages/Gif_free1/stella_star_favoriti.gifimages/Gif_free1/stella_star_favoriti.gifimages/Gif_free1/stella_star_favoriti.gif

6 commenti:

  1. Capo, recensione stupenda...ultimamente stai davvero superando te stessa!^^ La trama mi piace molto perchè, come sai, adoro la mitologia vichinga. I personaggi sono davvero belli! Mi pare sia una saga diversa dalle altre...:)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Indil ^_^!! Sapevo che ti sarebbe piaciuta, lo sapevo al 100%! Questa è una di quelle poche saghe che vale la pena leggere...in quest'ultimo libro poi la mitologia è più presente. Bello davvero.

      Elimina
  2. Wow Violet recensione fantastica, dettagliata in ogni parte...storia molto forte e altrettanto forti sembrano i personaggi...che dici può piacermi? Secondo me si.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Deve piacerti per forza perché mi rifiuto se sia il contrario ;-)

      Elimina
  3. Recensione perfetta! Bravissima! Anche io aspetto con ansia la storia di Menw e Daana, spero solo che non dovremo aspettare un anno come per questo..Indil e Iris se ne avete la possibilità leggetela perchè questa saga è bellissima ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco brava Francy diglielo tu per cortesia!! Non sanno cosa si perdono!! Ma vogliamo parlare anche di Cahal?? O di Gabriel :-( o anche di Noah di cui l'autrice ancora non scrive un libro?? Me li farà penare tutti questi poverini!!!

      Elimina

Caro lettore, leggere un tuo commento è per me una cosa preziosissima. Se il post ti è piaciuto lascia un segno del tuo passaggio, prometto che ti risponderò presto, e se ti va condividilo su Google+.
P.S. Se volete affiliarvi con Libri D'incanto mandatemi una mail o lasciate un commento nella sezione del menù "Affiliazioni". Non nel post, per favore.
P.P.S. Se volete farmi conoscere i vostri giveaway mandatemi semplicemente una email. Grazie ^-^