lunedì 13 gennaio 2014

POPCORN: CARRIE - LO SGUARDO DI SATANA


Bentrovati giovani e vecchi virgulti! Come avete trascorso queste lunghe feste? Io ho passato gran parte delle vacanze natalizie a nuotare in mezzo ai panettoni farciti e a grattarmi la pancia davanti alla tv. Era inevitabile che la bilancia mi chiedesse i danni morali per ciò che ha dovuto sopportare ultimamente. Non so come finirà la questione, visto che non ho il becco di un euro. Mi toccherà impietosirla facendo la vittima, cosa che mi riesce discretamente bene. Per quanto concerne i buoni propositi che si fanno sempre all'inizio di un nuovo anno: resterò la vecchia rompiscatole e brontolona di sempre. Ergo, abbandonate ogni speranza e rassegnatevi.
 Ad un elfo con il pallino dell'horror come me non poteva sfuggire Carrie - lo sguardo di Satana, remake del film diretto da Brian De Palma del '76, basato sull'omonimo romanzo di Stephen King. Generalmente sono la prima a mettere al rogo i remake, anche se vanno tanto di moda negli ultimi tempi, perchè ritengo che i cult siano intoccabili e quasi sempre le loro copie sono delle ciofeche pazzesche. In questo caso però, il film è stata una gradita sorpresa. La storia è quella che tutti conosciamo, ma alcuni particolari la rendono ancora più ricca ed emozionante. Le due attrici protagoniste sono state straordinarie: tanto di cappello a Julianne Moore e la giovane Chloe Moretz.

Margaret White e sua figlia Carrie vivono a Chamberlain, un tranquillo paesino del Maine. Carrie è una ragazza dolce ma molto timida, che si sente inadeguata verso il mondo intero. Estremamente introversa, fatica a relazionarsi con chiunque. I compagni di scuola ritengono che sia una tipa stramba e la deridono in continuazione. La ragazza è cresciuta con un'educazione molto rigida impostale dalla madre, religiosa fino al fanatismo, per la quale è peccato anche lo svolazzare delle farfalle. Carrie non indossa vestiti all'ultima moda, ma quelli molto castigati che la madre le cuce. Non partecipa alle feste e non esce con i ragazzi: a lei non è permesso vivere una vita normale.
L'unica che sembra avere una parola gentile per Carrie è Mrs Desjardin, l'insegnante di ginnastica. I tentativi per difendere la povera ragazza dalle prepotenze delle compagne però, si rivelano vani.  Margaret ha vietato a Carrie di fare la doccia insieme alle compagne, quindi la ragazza aspetta di lavarsi dopo che tutte hanno finito, al termine dell'ora dedicata alla piscina. Durante la doccia le viene il ciclo, cosa del tutto normale alla sua età. A lei però non è stato detto niente in proposito, pensa di essere ferita gravemente e si spaventa tantissimo. Chiede aiuto urlando ma, per tutta risposta, ottiene risate ed assorbenti lanciati addosso. Chris, la più crudele delle ragazze che la scherniscono, riprende la sua disperazione con il cellulare. Carrie è sconvolta, in preda ad una crisi di nervi e Mrs Desjardin la schiaffeggia, suo malgrado, per farla calmare.

Dopo l'accaduto, la professoressa cerca di prendere provvedimenti, punendo le compagne di Carrie con una lezione di ginnastica "rafforzata", obbligatoria per evitare la sospensione con conseguente divieto di partecipare al ballo di fine anno. Chris si ribella e incita le compagne a seguire il suo esempio, arrivando ad insultare l'insegnate. Nessuna delle ragazze però la segue, nemmeno la migliore amica Sue, che si è resa conto della crudeltà commessa e accetta la punizione, ritenendola giusta. Sue è così pentita del comportamento avuto nei confronti di Carrie, da chiedere a Tommy il suo ragazzo, di portare Carrie al ballo, rinunciando lei stessa alla serata. Tommy all'inizio è riluttante ma poi accetta per accontentare Sue.
Carrie, che nel frattempo si è resa conto di avere poteri telecinetici, rimane sconcertata difronte all'invito di Tommy, pensa che sia l'ennesimo scherzo nei suoi confronti e scappa piangendo. Ma il ragazzo non si arrende, l'aspetta davanti casa per rinnovarle l' intenzione di andare al ballo con lei, rassicurandola sul fatto che non ci saranno problemi con Sue. Carrie è al settimo cielo: avrà finalmente l'opportunità di sentirsi uguale a tutte le sue coetanee. Cuce lei stessa l'abito che indosserà e, grazie ai suoi poteri, si impone sulla volontà della madre che considera il ballo, l'anticamera dell'Inferno stesso. Tutto è pronto per il grande evento: Carrie è perfetta nel suo delizioso vestito rosa e con un pò di trucco. Margaret finalmente sta dove avrebbe sempre dovuto essere: chiusa nel sottoscala al posto di Carrie. Tommy è venuto a prenderla in limousine. La serata inizia splendidamente ma...

Evito di raccontare il resto del film, anche se dubito fortemente che qualcuno non l'abbia visto. Pur appartenendo al genere horror, la storia di Carrie non fa paura, mette solo tristezza. Ho provato le stesse sensazioni di quando ho visto la pellicola originale. Ci sono alcune considerazioni da fare, magari potranno aiutare qualche giovane mente confusa a prendere la giusta via. Il remake è stato "modernizzato", adattato cioè alle nostre generazioni ed è sconcertante constatare come alcune cose non siano cambiate a distanza di anni, telefoni cellulari e pc a parte. Parliamo della mamma di Carrie: mi spaventa il fatto che alcune persone possano essere religiose in un modo tanto malato. Sono cristiana, ho delle idee sulla religione che  potrebbero essere considerate "di comodo". Sarà Dio a giudicarmi, non l'uomo. Se mia madre fosse stata come Margaret, avrei usato le lenzuola del letto per calarmi dalla finestra e tanti saluti. Avere la casa tappezzata di reliquie religiose e passare l'adolescenza rinchiusa nel sottoscala a pregare, non è il massimo. Come si fa a negare ad una figlia la vita stessa, tagliandola completamente fuori dal mondo? Carrie è cresciuta complessata,  non consapevole di essere una ragazza carina, nascosta in abiti di due taglie più grandi della sua. Cammina quasi accartocciata su stessa, sperando di passare inosservata e ci riesce. Chi si accorge di lei la considera un fenomeno da baraccone, una diversa. Questo è l'errore più grande: i diversi non esistono.

Un altro aspetto del film, rimarcato nel remake ed attualissimo, riguarda il fenomeno del bullismo. Sono i più deboli e sensibili a subirlo, a volte è sottovalutato ma è causa di grande disagio e sofferenza. E' inconcepibile quello che Carrie deve sopportare da parte delle compagne, Chris in testa. Mi ha lasciato allibita vedere quanto una ragazza può essere crudele, Carrie non le ha fatto nulla, eppure Chris si accanisce su di lei cercando una vendetta assurda, per una punizione che meritava pienamente. E' più facile incolpare gli altri, anche quando si sbaglia, anzichè ammettere di essere nel torto. Quando frequentavo il liceo, il massimo che mi è capitato è stato di sentirmi chiamare "primina" da qualche ragazza di quinta superiore, niente di più...sono stata fortunata. Dissanguare poveri maialini innocenti e rovinare abiti per il ballo con il loro sangue, non era ancora di moda. Era impensabile poi, offendere anche solo velatamente i professori, pena la permanenza in cella a vita, altro che prendere le tue difese! In fondo Carrie voleva solo essere accettata, avere una vita normale, non le è stato concesso. Il suo cuore era buono e lo ha dimostrato alla fine, quando salva Sue, causa involontaria di tutta la baraonda. L'unica sua consolazione è stata l'inesorabile vendetta e vi confesso che in quel momento, facevo il tifo per lei...quando ce vò ce vò!

Sostanzialmente questo remake non si discosta molto dall'originale, c'è forse qualche cadavere in più sulla coscienza di Carrie...ma non sta a noi giudicare. Il film a me è piaciuto anche se ho letto molte critiche negative. E' mia regola non badare alle critiche, infatti non mi sono pentita della visione. Le uniche pecche sono state la scena iniziale e quella finale: si comincia con la scena del parto di Margaret (non consapevole di essere incinta, fino a quando Carrie non le strilla in faccia e le fa ciao - ciao con la manina . La svegliona pensava che la causa del dolore lancinante nelle parti intime fosse dovuto ad un cancro, strana supposizione visto che stai senza ciclo da 9 mesi e i jeans non ti vanno più a pennello come prima!) Insomma, baby Carrie viene al mondo, però non si capisce che fine fa il cordone ombelicale. Un momento prima si suppone sia legata alla squilibrata che l'ha data alla luce, un momento dopo la pazza la tiene in braccio e il cordone è sparito per magia. I casi sono due: o mi ha colpito una momentanea amnesia (ogni tanto capita dopo gli 80) o errore ci cova, mah! Mentre alla fine, la lapide di Carrie si spezza in due e si ode un grido straziante in sottofondo. Ho trovato la cosa un pò ridicola, stonava con il resto del film. Il braccio insanguinato di Carrie che spuntava dal terreno era più d'effetto, non trovate? Buona visione carissimi e alla prossima. 

Voto: images/Gif_free1/stella_star_favoriti.gifimages/Gif_free1/stella_star_favoriti.gifimages/Gif_free1/stella_star_favoriti.gif1/2


4 commenti:

  1. Cara indil la tua recensione è davvero fantastica come al solito anche se la storia...non è proprio il genere di cose che amo guardare!!! Comunque la bilancia sta fregando anche me...ma teniamo duro cara Indil...ignoriamola!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille cara Iris...^^ In realtà non fa paura come film, penso che potresti guardarlo tranquillamente!:) Ma smettila che hai una linea invidiabile!:D

      Elimina
  2. Ho visto Carrie l'originale più di una volta e non mi è mai piaciuto. Troppo sangue!!! Però questo sono curiosa di vederlo ;p

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In realtà il sangue è nella scena dell'incoronazione della reginetta del ballo, per il resto è tutto sopportabile capo!:)

      Elimina

Caro lettore, leggere un tuo commento è per me una cosa preziosissima. Se il post ti è piaciuto lascia un segno del tuo passaggio, prometto che ti risponderò presto, e se ti va condividilo su Google+.
P.S. Se volete affiliarvi con Libri D'incanto mandatemi una mail o lasciate un commento nella sezione del menù "Affiliazioni". Non nel post, per favore.
P.P.S. Se volete farmi conoscere i vostri giveaway mandatemi semplicemente una email. Grazie ^-^