mercoledì 8 gennaio 2014

RECENSIONE: AEGYPTIACA

Carissimi lettori, oggi devo assolutamente parlarvi di un libro che mi è piaciuto tantissimo. Una vera scoperta per me che sono poco avvezza ai romanzi di questo tipo. Spero con tutto il cuore che vi piaccia la recensione, ma sopratutto (e mi rivolgo a chi non lo ha letto) di rimediare assolutamente.  

Titolo: Aegyptiaca. I prescelti degli dei
Serie: #1
Autore: Dean Lucas
Editore: Mamme Editori
Pagine: 480
Prezzo: € 9,80

Delphi era solo una bambina quando una creatura antica quanto il mondo incide il suo corpo come fosse una stele. In quei simboli è possibile leggere il futuro dell’Uomo, poiché quei segni sono la scrittura degli Dei. Sargon è un guerriero che fugge dal proprio passato. Chi era prima di incontrare Delphi non ha più importanza: ha attraversato il Tigri e l’Eufrate, ha solcato i mari, ha superato i deserti per trovarla. La sua spada è ora al servizio della missione di Delphi. Sargon non sa che sarà il passato a trovare lui. Gavri’el ha sempre creduto di essere l’unico figlio di una famiglia di nemeh, poveri contadini che vivono in case di fango e argilla sulle rive del Nilo. Non sa che le profezie parlano di lui. Non sa che è nato per brandire l’arma più potente di quel mondo. Non sa che il proprio destino non si può scegliere. Non sa nemmeno che Tary, la giovane hyksos di cui è innamorato, non aspetta altro che ricambiare i suoi sentimenti. Metà egizia, metà di sangue hyksos, Tary è figlia del nobile Ephepi. Dolce e coraggiosa, ha paura di mostrare se stessa a Gavri’el: lo ama ma è troppo orgogliosa per ammetterlo. Quando per la sua famiglia ogni cosa sembrerà perduta, dovrà fare appello a una forza che nemmeno lei sa di possedere pur di non tradire il segreto di Gavri’el. 
La Sfinge è la bellissima e altera dea di Giza. Irascibile, orgogliosa, vanitosa: lei stessa si definisce come la cosa più preziosa di quel mondo. Il sangue che le bagna spesso i vestiti è soltanto quello dei suoi nemici. 
Comandante delle Guardie nubiane della Sfinge, Matunde è un gigante buono pronto a tutto per la sua regina. La sua forza è pari soltanto all’incredibile coraggio che gli permette di affrontare ogni sfida, anche la più impossibile. I loro destini s’incontreranno in una terra sconvolta dalla brama di sangue di un dio e del suo esercito di abomini.
Perché loro sono i Prescelti e ognuno ha una missione da compiere. Sono stati scelti dal Destino ma non sanno ancora di esserlo. La loro storia è la storia dei Figli dell’Uomo. La loro storia è la storia dei Figli del Cielo. La loro storia è soprattutto la storia dell’eterna lotta tra il Bene e il Male che affonda le proprie radici nella Genesi.


           Recensione           


Aegyptiaca, i prescelti degli dei è il primo romanzo di una trilogia fantasy ambientata nell’Antico Egitto scritta dall’italiano (non lasciatevi ingannare dal nome) Dean Lucas. Era da tempo che non mi imbattevo in un libro del genere che si presenta con una trama particolare e misteriosa che invoglia il lettore a leggere per saperne proprio di più. La storia ha come protagonisti diversi personaggi con un passato completamente diverso, ma che si ritrovano a dover lottare insieme per la stessa causa, ossia sconfiggere gli dei malvagi che vogliono governare il mondo. 

Fin dalle prime pagine sai di trovarti davanti un libro ricco di storia e di mitologia, di battaglie epiche e di potenti incantesimi, e devo dire la verità, a volte sembrava di stare davanti alla tv a guardare uno di quei vecchi film storici da premio Oscar. Era tutto così reale e palpabile come sfiorare una lacrima o catturare nel cuore un sentimento dolcissimo. Eh già, perché questo libro mette un certo equilibrio tra la crudeltà e una grandissima sensibilità, l’amore è potente quanto lo è la voglia di distruzione. Scenari magnifici che fanno da sfondo a una delle più grandi storie d’amore quella di Delphi e di Sargon. Quest’ultimo è diventato in assoluto il mio personaggio preferito, un uomo di grande fedeltà e di onore, di fascino e di valore, la storia di Delphi e di Sargon è dolce e commovente. Gavri’el e Tary invece sono due ragazzi sedicenni e la loro storia inizia tra giochi e divertimenti, ma il destino li porterà a scelte difficili e sofferenze inimmaginabili, non vedo l’ora di sapere come proseguirà la loro storia. Matunde, che io chiamo il gigante buono, è un ragazzo incredibile, sensibile e perbene, un amico leale e affidabile, insomma un vero eroe. E poi c’è la cara Sfinge. Bè, lei è una donna bellissima, potente con un carattere irascibile e assolutamente spassosa nei suoi battibecchi con Babu. D’altronde è lei la vera protagonista, l’unica dea femmina in grado di contrastare il fratellastro Anubi, il Nephilim con la maschera da sciacallo che farà di tutto pur di mettere i bastoni tra le ruote ai nostri protagonisti. 

I capitoli sono corti e si leggono facilmente, l’autore usa un linguaggio scorrevole ma ben costruito dove si alternano diversi punti di vista. Di solito non sopporto leggere un libro con diverse visioni, ma Aegyptiaca l’ho trovato giusto e dettagliato e se Dean Lucas avesse raccontato la storia da un solo punto di vista ne sarebbe nata una grandissima confusione, poiché i fatti sono tanti e i personaggi complessi con una propria personalità e con un proprio modo di agire, quindi non posso far altro che apprezzare questa scelta. Inoltre l’autore è stato molto bravo a coinvolgerti a livello emotivo, cosa che non sempre accade. Ho sofferto con i protagonisti e ho tifato con loro ogni volta che ottenevano una piccola vittoria. Cosa posso dire di più che non abbia già detto? Consiglio di leggere Aegyptiaca perché è un romanzo bellissimo e avvincente e non vedo l’ora di leggere Pyramisia per sapere come si evolverà la storia soprattutto per certi protagonisti. Quanti colpi di scena quante battaglie. Fatevi un favore leggete Aegyptiaca e non ve ne pentirete.

Giudizio finale: un romanzo intenso e sensazionale, capace di rapire il cuore anche del più scettico. 

images/Gif_free1/stella_star_favoriti.gifimages/Gif_free1/stella_star_favoriti.gifimages/Gif_free1/stella_star_favoriti.gifimages/Gif_free1/stella_star_favoriti.gif


Date un'occhiata al sito dell'autore: deanlucas.com/
Allora, cosa ne pensate?
Lo avete letto o no??

18 commenti:

  1. Non lo conoscevo, bella però la tua recensione, mi hai incuriosita non poco devo dire :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Cla!! Guarda in giro trovi un sacco di recensioni positive perché il romanzo è proprio....avvincente ;)

      Elimina
  2. recensione bellissima ma questo libro proprio nn mi attira

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Ale ^_^! Peccato però :(...se ti capita concedigliela un'opportunità :)

      Elimina
  3. L'ho visto spesso in libreria e, nonostante la magnifica copertina, non mi ero mai soffermata su questo libro. Sembra davvero interessante e dopo aver letto Percy Jackson ho scoperto di avere un debole per la mitologia greca **
    A questo punto, credo proprio che non posso perdermelo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Brava Giusy!!! Se ti piace la mitologia in generale sì, perché questa è quella egizia ;p. Cmq se lo leggi fammi sapere :)

      Elimina
  4. Bravissima Violet come sempre...ottima recensione, bellissima storia!

    RispondiElimina
  5. Lo devo leggere anche io!! spero di riuscirlo a fare entro questo mese!!Mi attira un sacco, non solo per la sua cover, ma per la sua trama affascinante.
    Questa recensione mi ha incuriosita ancora di più!
    Complimenti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Mary!! Non vedo l'ora di sapere cosa ne pensi ^___^

      Elimina
  6. Ciao, mi hai intrigato parecchio.
    Quanti libri sono? Così aspetto finisca la serie e li leggo tutti d'un fiato! E' diventato l'unico modo in cui riesco a digerire le serie :-)
    Avete mai aperto un dibattito sul dilungarsi delle serie? Solo io sono diventata insofferente alle infinite attese?
    Francisirio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Francy!! E' una trilogia quindi stavolta vai sul sicuro :).
      Non abbiamo mai aperto un dibattito sul dilungarsi delle serie, perché al riguardo sono un pò pessimista visto che non sono sicura che verremo ascoltati. Basta pensare alle serie che hanno interrotto e di cui non si è saputo più nulla nonostante abbiamo chiesto spiegazioni :(

      Elimina
  7. Lo so che rischio di essere "quella delle fisse", ma l'Egitto mi affascina in una maniera mostruosa!:D Bellissima la tua recensione capo e che personaggi affascinanti. Deve essere un libro davvero bello. Brava come sempre!^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io ho più fisse di te quindi non ti preoccupare ;). Conoscendo la tua smisurata passione per la mitologia questa senza dubbio ti piacerebbe e ameresti alla follia i personaggi ^_^

      Elimina
  8. Wondeful!! Bravissima la mia Vi!

    RispondiElimina
  9. Che bella recensione! Io sono appassionata di cultura e mitologia egizia, e questa serie sembra fatta apposta per me *o* Devo leggerla, punto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara ^_^
      Io sono sicura che ti piacerà perché ne succedono di tutti i colori...
      Leggilo così vengo a leggere la tua di recensione perché sai sempre trovare le parole giuste *___*

      Elimina

Caro lettore, leggere un tuo commento è per me una cosa preziosissima. Se il post ti è piaciuto lascia un segno del tuo passaggio, prometto che ti risponderò presto, e se ti va condividilo su Google+.
P.S. Se volete affiliarvi con Libri D'incanto mandatemi una mail o lasciate un commento nella sezione del menù "Affiliazioni". Non nel post, per favore.
P.P.S. Se volete farmi conoscere i vostri giveaway mandatemi semplicemente una email. Grazie ^-^