sabato 1 febbraio 2014

POPCORN: I, FRANKENSTEIN


Cari amici, in attesa di farmi travolgere da una tempesta di neve e dopo aver subito lo shock della mia prima (ed ultima, ci potete scommettere i peli del naso) puntata de Il Tredicesimo Apostolo (scusate, ma non pensate anche voi che la Pandolfi avrebbe bisogno di una cura ricostituente?), mi sono lasciata catturare dal "fascino del mostro". La mia scelta è ricaduta su I, Frankenstein, una sorta di riadattamento del celeberrimo romanzo di Mary Shelley. Riadattamento, una parola che dovrebbe essere un avvertimento di per sè. Gli avvertimenti me li mangio a colazione, da  impavida quale sono. Così ho afferrato il mio solito pozzo colmo di popcorn, pronta allo spettacolo. Ho fatto la fine del moscerino spiaccicato sul parabrezza di un auto. Ancora una volta mi chiedo quale mente contorta possa avere ispirazioni così...così...beh, lascerei scegliere a voi l'aggettivo.

 Una fresca mattina di primavera doc Victor Frankenstein (Aden Young), dopo una notte insonne a causa della trippa con i fagioli che si è pappato la sera precedente, si alza con la brillante idea di depredare i cimiteri limitrofi. Gli serve materiale necessario a mettere insieme un corpo (perchè un puzzle? Avrebbe evitato la faticaccia immane, se avesse scelto un giovane in buona salute, morto in un duello o roba del genere, meno tombe da profanare!). Dopo lunghe nottate in cui la moglie (Virginie Le Brun) lo aspettava invano (dialogo tipo: "caro è tardi, vieni a dormire! e lui "un attimo tesoro, attacco l'ultimo dito al cucciolo e arrivo!"), Frankenstein cuce insieme i pezzetti di dodici cadaveri e con una potente scossa elettrica, gentilmente offertagli dalle anguille (non fate domande), da vita al suo bel mostro. Con buona pace di tutti coloro che facevano il tifo per lui. Sicchè dopo tutto quel tempo perso e sull'orlo di una crisi matrimoniale, il caro Franky capisce di aver fatto una gran cavolata e zitto zitto, impacchetta il pupone e lo getta in mare. Il mostro (Aaron Eckhart) , infastidito dalla cafonaggine di suo padre, torna a casa pieno di alghe e fa secca la mammina adottiva.

Franky allora insegue il figlioletto per terra e per mare, bramando vendetta. Essendo un semplice essere umano, fa una gran fatica a stare al passo. In più la sua creatura non si ferma certo ad aspettarlo, per farsi impalettare come un vampiro. Inseguito e inseguitore giungono a Nord dove fa un freddo barbino, ed è qui che il buon Franky diventa più surgelato di un merluzzo. La creatura decide che il padre, nonostante sia un gran fetente, merita degna sepoltura. Scava una bella fossa e ce lo butta dentro. Non fa nemmeno in tempo a rendere omaggio al merluz... ehm al papy, che viene attaccato da un gruppo di demoni. Pare che il loro principe, tale Naberious (Bill Nighy), lo voglia come regalo di Natale posticipato. Mentre la creatura scamazza demoni di qua e di là, facendo una caciara degna della notte di San Silvestro, all'improvviso giungono due gargoyle, con ali da fare invidia al drago Smaug. Risultato della partita: pipistelloni 1 - demoni cattivi 0. I due soccorritori Zuriel (Socratis Otto) e Keziah (Caitlin Stasey), portano la creatura dalla regina dei gargoyle Leonore (Miranda Otto), che lo aspetta con the e biscottini al cioccolato.

Leonore si decide a dare un nome alla povera anima tormentata: Adam. La regina dei volatili pietrificati capisce che Adam è uno tosto e gli propone di rimanere al castello per fare il mazzo a tarallo (rima infelice, lo so), ai demoni giunti sulla terra dopo la caduta di Satana. C'è una guerra in corso da secoli fra demoni e gargoyle, discendenti dell'arcangelo Michele. Ad Adam non interessa una beata fava delle loro scaramucce, inoltre i biscottini al cioccolato non gli piacciono. Di conseguenza, sbatte la porta in faccia alla regina e si fa un giretto di due secoli o giù di lì. Naturalmente nè demoni nè gargoyle lasceranno in pace Adam. Tutti se lo vogliono portare alle rispettive case (ci ho fatto un pensierino anche io, ma poi l'ho ritenuto sconveniente. La mia poco dolce metà non avrebbe gradito). Cosa avrà di tanto particolare questo essere a parte le cuciture malfatte?

Il primo pensiero che mi è balenato in mente è stato: " San Tolkien! E questo da dove spunta?". Siamo abituati a vedere un mostro di Frankenstein alto due metri, con la testa cucita e il colorito spettrale, giustificatissimo tra l'altro. Le uniche parole che sa pronunciare sono farfugliamenti che si possono tradurre come velate minacce. Cammina rigido, inconsapevole di cosa sia l'equilibrio e la grazia. Insomma, è un mostro. Adam è troppo gnocco e muscoloso, per essere uno che è stato assemblato come le casette dei lego. Passiamo ai gargoyle: l'idea che siano discendenti dell'arcangelo Michele (ma lui lo sa?), mi pare alquanto inverosimile. Certo, nella loro forma umana non sono affatto male, ma è la prima volta che mi capita di vedere un film dove i buoni sono più brutti dei cattivi! Sorvolo sul trauma che mi ha procurato vedere un gargoyle con le poppe: amara conseguenza della parità dei diritti, che noi donne tanto difendiamo. Affascinante l'interpretazione di Miranda Otto (l'amata Eowin de Il Signore degli Anelli) della regina Leonore, anche se in alcuni momenti mi ha ricordato la mamma di Carrie, Lo Sguardo di Satana. Inquientante il Naberious di Nighy, lo ricorderete sicuramente in Underworld. A me quell'uomo mette una paura esagerata: se lo avessi come vicino di casa, gli porterei una torta tutti i giorni per tenerlo buono. Mi sono lasciata prendere dalla nostalgia, davanti all'attrice che da vita al personaggio della dottoressa Terra, l'indimenticabile Sarah di Chuck.
Anche la storia dei demoni che necessitano di Adam per risvegliare i loro compagni caduti, con lo scopo di farli "alloggiare" in migliaia di corpi morti stecchiti, mi è sembrata una grande buffonata. Da che mondo è mondo, i demoni si impossessano di corpi viventi, non di cadaveri appesi come cotechini.

Peccato non si sia creata una storia d'amore fra Adam e Terra (Yvonne Strahowski) che lavora in buona fede (vogliamo discutere sul rimbambimento cronico di quella donna?) per Naberius. Riportare in vita cadaveri non aiuta la scienza, anche perchè il redivivo rischia di passare la sua seconda vita dallo psicanalista. Il pericolo è di riempire il mondo di pazzi assassini modello The Following! I dialoghi sono a dir poco penosi, si salvano solamente le ambientazioni gotiche, anche troppo dark. Avrei apprezzato una lampadina ogni tanto, ma forse è chiedere troppo. L'idea originale poteva anche essere decente, ma è stata sviluppata in maniera confusa, forse proprio per la mancanza di "illuminazione". Gargoyle che svolazzano all'impazzata, demoni sul barbecue, mostri che sembrano appena usciti da una beauty farm e belle dottoresse addormentate, non contribuiscono alla buona riuscita della storia. Mary Shelley si sarebbe strappata i capelli.

La frase finale pronunciata da Adam mi fa presagire, ahimè, futuri sequel. Povero mostruccio, non hai chiesto tu di esistere. Hai vagato solo, odiato da tutti, inseguito e braccato. Ti credo che stai sempre di pessimo umore. In fondo chiedevi solo degli amici con i quali giocare ad hockey su prato e una fidanzatina possibilmente "tutta d'un pezzo". Magari la prossima volta. Spero che in futuro non decidano di maltrattare altri mostri, potrei passare un brutto quarto d'ora... Mi permetto di consigliarvi  La Sposa Promessa (The Bride) del 1985. Stessi protagonisti, trama più interessante. Alla prossima miei fanciulli adorati.

Voto: images/Gif_free1/stella_star_favoriti.gifimages/Gif_free1/stella_star_favoriti.gif


10 commenti:

  1. Non penso che - visto il flop che si è rivelato in tutto il mondo - ci saranno sequel. Devo finire di vederlo, ma, come ti dicevo, faceva pena. Buffy è più attuale ed è fatto meglio u.u

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Mr Ink!^^ Guarda lo spero, non riesco nemmeno a pensare ad un proseguo della storia...@.@ Ultimamente il cinema fantasy - horror è un pò carente, ma non perdiamoci d'animo!:)

      Elimina
    2. Ahaha ma se paragoni qualsiasi cosa a Buffy, avrai il medesimo responso, Mik: poche cose al mondo sono fatte meglio di quella serie, pure se all'epoca Whedon aveva due soldi in croce per girare! Altro che "Agents of Shield"! ;D

      Elimina
    3. Non posso che essere d'accordo con te Sophie. Buffy è stata ed è la serie televisiva per eccellenza. Nessuna può competere con lei, anche se ultimamente ne sono state create di davvero buone!^^ Lo dimostra il fatto che a distanza di molti anni, ci sono ancora innumerevoli fans e appassionati!:)

      Elimina
  2. Io lo avevo già capito dal trailer che c'era qualcosa che non quadrava e infatti avevo ragione.
    Indil, le tue recensioni sono stupende oltre che uniche *___*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie capo, sei sempre troppo buona con questo vecchio elfo!^^ Avevi capito bene, io sono sempre fiduciosa con i film, tu invece sei sospettosa e fai bene...@.@

      Elimina
  3. In parte me lo aspettavo, ma continuavo a sperarci lo stesso! :( Anyway, guarderò lo stesso il film appena possibile (non fosse altro che per avere il gusto di potermi "vendicare" strapazzandolo un po' anch'io sul mio blog hi hi hi! XD), cercando di non aspettarmi grandi cose! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Penso che lo strapazzerai anche tu cara, magari con meno ferocia di me!:D Guarda l'idea poteva essere anche sfruttabile, ma il fatto è che saper sfruttare le idee non è sempre facile come si pensa...@.@ Verrò a leggere la tua recensione...:)

      Elimina
  4. Cara Indil sulla Pandolfi concordo...comunque è bello iniziare la settimana con i tuoi post sempre ironici e divertenti!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie tante cara Iris!^^ E comunque quella serie è inguardabile...:( Vorrebbero imitare i telefilm americani: campa unicorno che l'erba cresce, mah!

      Elimina

Caro lettore, leggere un tuo commento è per me una cosa preziosissima. Se il post ti è piaciuto lascia un segno del tuo passaggio, prometto che ti risponderò presto, e se ti va condividilo su Google+.
P.S. Se volete affiliarvi con Libri D'incanto mandatemi una mail o lasciate un commento nella sezione del menù "Affiliazioni". Non nel post, per favore.
P.P.S. Se volete farmi conoscere i vostri giveaway mandatemi semplicemente una email. Grazie ^-^