martedì 15 aprile 2014

TEASER TUESDAYS #11

Lettori incantati, eccoci con il consueto appuntamento del martedì che ho saltato per un paio di settimane. La rubrica Teaser Tuesdays consiste nel riportare un pezzo del libro che si sta leggendo scegliendo una pagina a caso. Vi invito a partecipare anche solo con un minuscolo teaser. Sono molto curiosa di sapere cosa state leggendo. 


Le regole sono: 


  • Prendi il libro che stai leggendo;
  • Aprilo in una pagina a caso;
  • Condividi qualche frase di quella pagina;
  • La frase non deve contenere spoiler;
  • Condividi il titolo e l'autore in modo che i partecipanti possano aggiungere il libro alla loro TBR list 


  • Il libro che sto leggendo è IRRAGGIUNGIBILE di Abbi Glines


    La sabbia era ancora calda, viste le temperature di quella giornata. Ci camminai sopra al buio finché le onde non salirono a darmi il benvenuto. Il freddo mi fece sussultare ma, trattenendo il fiato, lasciai che l’acqua salata mi coprisse completamente i piedi.
    Mi venne in mente, all’improvviso, il sorriso di mia madre quando mi aveva raccontato di aver giocato nell’oceano. Alzai la testa al cielo e sorrisi anch’io. Finalmente ero lì. Ero lì, per tutte e due. 
    Un suono proveniente da sinistra fece irruzione tra i miei pensieri. Mi girai per guardare lungo la spiaggia e, in quel momento, la luna fece capolino tra le nuvole. Illuminato dal suo chiarore, Rush mi correva incontro.
    Anche quella sera era a torso nudo. Aveva indosso dei pantaloncini che gli poggiavano bassi sui fianchi stretti e il modo in cui il suo corpo si muoveva nel venire verso di me mi lasciò senza fiato. Non sapevo se muovermi o se aspettarlo. Rallentò il passo e si fermò accanto a me. Il sudore gli brillava sul petto a ogni raggio di debole luce. Era assurdo, ma mi faceva venire voglia di toccarlo.
    - Sei tornata - disse tra i respiri affannati.
    - Sì, ho appena staccato dal lavoro - risposi sforzandomi più che potevo di guardargli il viso e non il petto.
    - Allora hai trovato un lavoro?
    - Sì, ieri.
    - Dove?
    Non sapevo cosa rispondere, avevo paura di dirgli troppo. In fondo non era un amico. Così come era ovvio che non l’avrei mai e poi mai considerato parte della mia famiglia. I nostri genitori erano sposati, certo, ma Rush non dava il minimo segno di voler avere a che fare con mio padre o con me.
    - Kerrington Country Club - risposi.
    Le sopracciglia di Rush schizzarono verso l’alto. Fece un passo verso di me, mi mise una mano sotto il mento e mi sollevò il viso. - Ti sei messa il mascara - disse studiandomi attentamente.
    - Sì - ammisi liberandomi dalla sua presa. Mi lasciava dormire in casa sua, ma questo non significava che mi piacesse farmi toccare da lui. O forse sì, ed era quello il problema. Non volevo che mi piacesse sentire il suo calore sulla pelle.
    - Così sì che dimostri un po’ di più la tua età… - Fece qualche passo indietro ed esaminò il modo in cui ero vestita.
    - Guidi il cart con le bibite al campo da golf - concluse, tornando a guardarmi in viso.
    - E tu come fai a saperlo?
    Mi indicò con la mano. - L’abbigliamento. Pantaloncini aderenti bianchi e polo azzurra. È la loro divisa.
    Per fortuna era buio. Avevo la certezza matematica di essere arrossita.
    - Li stai stendendo tutti, vero? - domandò in tono divertito.
    Avevo guadagnato oltre cinquecento dollari di mance in due giorni. Forse per lui non era una grande cifra, ma per me era enorme. Quindi sì, li avevo stesi tutti.
    Feci spallucce. — Sarai felice di sapere che me ne andrò da qui tra meno di un mese.
    Non rispose subito. Probabilmente la cosa migliore da parte mia sarebbe stata andare a fare la doccia. Invece feci per bofonchiare ancora qualcosa, e lui si avvicinò. — Probabilmente sì, dovrei esserlo. Felice, intendo. Felicissimo. Invece non lo sono. No, Blaire. — Tacque e si chinò per sussurrarmi all’orecchio: - Mi dici tu perché?
    Avrei voluto allungare le mie braccia e aggrapparmi alle sue per evitare di cadere a terra, ridotta in poltiglia. Ma resistetti.
    - Stai alla larga da me, Blaire. Dico sul serio, è meglio se tieni le distanze. L’altra notte… - deglutì forte. - Io non faccio che pensare all’altra notte. So che mi stavi guardando, e questa cosa mi fa impazzire. Quindi va’ via, stammi lontana. Anch’io mi sto impegnando per fare lo stesso. - Detto ciò, si girò e tornò di corsa verso casa, mentre io rimasi lì imbambolata a lottare per non trasformarmi in pozzanghera sulla sabbia.
    Che cosa aveva voluto dire? Come aveva fatto ad accorgersi che li stavo guardando? Quando vidi la porta aprirsi e chiudersi alle sue spalle, anch’io tornai verso la casa e mi feci la doccia. Le sue parole mi avrebbero tenuta sveglia per ore. 

    ***
    Lo so che è un teaser un pò lunghetto, ma essendo un dialogo non potevo tagliare. Devo ammettere che il libro mi sta piacendo molto. Ho iniziato a leggerlo ieri e se non avessi avuto sonno avrei continuato a leggerlo tutto. E' molto scorrevole e intrigante. Sono a metà e oggi dovrei finirlo. Mi piacciono molti i personaggi, anche quelli secondari. Secondo me è tutta un'altra storia rispetto ai Vincent Boys, però sembra Beautiful con tutta la parentela che c'è ;). 

    10 commenti:

    1. Comincio ad essere curiosa. Non è male come teaser. Credo che alla fine ci cascherò di nuovo con la Glines e speriamo che questa volta non sia una delusione come per i Vincent. Comunque, sono speranzosa. Aspetto la tua recensione!
      Bacioni!!!

      RispondiElimina
      Risposte
      1. Ahahahah sono sicura che ci cascherai e penso che il libro ti piacerà ;)
        Se tutto va bene la prox settimana pubblico la recensione...

        Elimina
    2. Ti capisco.. anche a me capita di voler continuare a tutti i costi a leggere alcune volte ma il sonno puntualmente si presenta.. Comunque sono proprio curiosa di leggere la tua recensione :)

      RispondiElimina
      Risposte
      1. Grazie Eli,
        non mi capita spesso di tenermi aggrappata al libro fino alla fine però come ci rimango male quando il sonno prende il sopravvento ;)

        Elimina
    3. Se ti sta piacendo voglio la recensione quanto prima...devo assolutamente sapere cosa dovrei aspettarmi :D

      RispondiElimina
      Risposte
      1. Fino ad ora mi sta piacendo e spero più tardi di non rimangiarmi la parola ;)
        Cmq è un passo avanti rispetto ai the vincent boys il che è tutto dire :D

        Elimina
    4. La Glines mi ha un po' fregata con i Vincent boys/brothers....non so se fidarmi o meno. Aspetto la tua recensione e poi decido se leggerlo.

      RispondiElimina
      Risposte
      1. A chi lo dici Rosy! Ho odiato quel libro ma questo....è tutta un'altra storia *______*

        Elimina
    5. Violet, come sai io l'ho abbandonato! Ad essere precisi ho lasciato perdere dopo questo dialogo ahahahahah non so, nemmeno si conoscono da due giorni e già non possono fare l'uno a meno dell'altro? Boh.
      Vabbé, sono curiosa di sapere cosa ne pensi :3

      RispondiElimina
      Risposte
      1. Ahahahah Giù, mannaggia che lo hai abbandonato!! Io l'ho adorato moltissimo e l'epilogo mi ha veramente sorpreso. Poi mi sono innamorata di Rush perché il suo modo di fare mi ha molto sorpreso ;). Adesso vado con il seguito ;p

        Elimina

    Caro lettore, leggere un tuo commento è per me una cosa preziosissima. Se il post ti è piaciuto lascia un segno del tuo passaggio, prometto che ti risponderò presto, e se ti va condividilo su Google+.
    P.S. Se volete affiliarvi con Libri D'incanto mandatemi una mail o lasciate un commento nella sezione del menù "Affiliazioni". Non nel post, per favore.
    P.P.S. Se volete farmi conoscere i vostri giveaway mandatemi semplicemente una email. Grazie ^-^