giovedì 25 settembre 2014

POPCORN: The Giver, il mondo di Jonas

Splendente giorno a voi zuccherini! Finalmente il sole si è degnato di baciare questa landa desolata, cacciando via le tonnellate di umidità. Con spirito rinfrancato, mi accingo a parlarvi di The Giver, film votato nello scorso It's Time Of. A tal proposito, devo dirvi che questa volta mi  avete messa nel sacco. In pochi possono vantarsi di averlo fatto. Quando ho scelto i film di settembre e ho visto che Colpa della Stelle era fra i candidati da me prescelti, ho pensato: "sicuramente i fanciulli voteranno questo". Così, credendo di avvantaggiarmi, mi sono affrettata a vederlo, versando fiumi e fiumi di lacrime. Invece, sbaragliando i miei pronostici (come veggente faccio davvero schifo), avete votato The Giver. Quando l'ho detto a Violet, si è fatta una sonora risata e mi ha risposto "ben ti sta!". Per una volta che non volevo restare indietro...Vabbè! Non è "scritto nelle stelle" che io sia aggiornata, quindi mi rassegno e passo oltre.

I sopravvissuti ad una catastrofe che ha quasi decimato l'intera popolazione mondiale, fondano una nuova comunità, volta a mantenere l'ordine e la pace. I cosidetti "Anziani", consapevoli delle cause del fallimento del genere umano, bandiscono colori, emozioni e ogni genere di sentimento. I membri della cittadinanza si sottopongono ogni giorno, a delle iniezioni che inibiscono le sensazioni e vivono in un piccolo mondo in bianco e nero...una tristezza assoluta. Il concetto di famiglia non esiste più: gli embrioni vengono creati in laboratori di genetica per poi essere dati alla luce dalle "procreatrici". Ruolo che viene assegnato sin dalla adolescenza, come fosse un lavoro qualsiasi. I futuri cittadini vengono seguiti alla nascita dal gran consiglio, che ne decide il destino, a loro piacimento. Coloro i quali non rientrano nei parametri della maturità richiesta, viene "congedato", una parola più carina per dire "fatto fuori". La cerimonia che sancisce il passaggio dall'adolescenza all'età adulta, assegna la professione adeguata per tutta la vita...una noia mortale. (Solo il pensiero del non avere libero arbitrio mi fa accapponare la pelle. Una ribelle come me, sarebbe stata congedata più volte, fosse stato possibile!)

Jonas (Brenton Thwaites) è un adolescente che aspetta di conoscere la sua assegnazione, insieme ai suoi amici di sempre: Fiona (Odeya Rush) e Asher (Cameron Monaghan). Gli Anziani hanno notato in lui doti particolari e decidono di nominarlo "raccoglitore di memorie". Il ragazzo riceverà da un donatore suo predecessore (Jeff Bridges), tutti i ricordi dei sentimenti buoni e malvagi dell'umanità. Solo lui sarà a conoscenza delle meraviglie di un tempo passato, ormai cancellate dalla memoria di tutti, ma anche delle tragedie, che hanno portato l'uomo vicino all'estinzione. Jonas e il suo donatore, entrano subito in sintonia. Il mentore gli mostra ricordi straordinari, che lasciano il ragazzo pieno di stupore e dubbi. Non capisce perchè cose belle come la neve, sono state cancellate dalla memoria umana. Dopo aver deciso di non sottoporsi più alle iniezioni mattutine, Jonas vedrà il mondo con occhi diversi...

Questo film, tratto dal romanzo di Lois Lowry del 93, mi ha fatto molto riflettere. All'inzio mi è preso un colpo, perchè ho riconosciuto nel protagonista, il più che rintornato principe Filippo di Maleficent. Ho pensato: "iniziamo bene...". Poi però, con il passare dei minuti, la storia mi ha totalmente coinvolto. Brenton Thwaites è stato promosso a pieni voti, mi ha conquistata e commossa. Il mondo di Jonas appare perfetto, ma è solo apparenza. Ho imparato da tempo che la perfezione non esiste. Lo scrittore Leonard Cohen ha detto: "c'è una crepa in ogni cosa, ed è lì che entra la luce". Mai parole furono più veritiere. Coloro che si affannano nella ricerca della perfezione assoluta, rimarranno delusi. Non c'è nulla di perfetto a questo mondo, Chris Hemsworth a parte. Il consiglio degli anziani capeggiati da un'algida, quanto sempre eccelsa Meryl Steep, decide di abolire tutto ciò che può mettere a rischio la sopravvivenza umana, ma non capiscono che le persone senza sentimenti, sono solo dei sacchi della monnezza gonfi d'aria e nulla più. Come si può vivere in un mondo senza amore, senza baci, senza musica, senza pastarelle alla crema? Il mio amico Vizzini de La Storia Fantastica direbbe :"Inconcepibbbbbile!". Molto spesso mi capita di pensare a quanto sarebbe bello un mondo senza malattie, senza fame, senza guerre. Soprattutto senza l'indifferenza e l'ignoranza, che io reputo fra le più grandi piaghe che affliggono l'umanità, dopo le suocere ovviamente.


Guardando The Giver ho capito a malincuore, che Bene e Male in qualche modo devono coesistere, per mantenere una sorta di equilibrio cosmico. Vorrei solo che ci fosse un pò meno male, ecco. Ci sono tante cose meravigliose nelle nostre vite, ma anche brutture che le sconvolgono. Certo, se lasciassimo che la malvagità prendesse il sopravvento, sarebbe finita. Ed è quì che entrano in gioco i buoni sentimenti, perchè grazie al cielo esistono e io faccio un gran tifo per loro. Il mondo di Jonas nasconde un orrore immenso dietro una facciata luminosa. Un castello di carte destinato a crollare, grazie alla sensibilità e al coraggio di un ragazzo speciale, il quale rischierà in prima persona, per "risvegliare" tutti dal torpore. Mi viene in mente una delle mie frasi preferite de Il Signore degli Anelli detta da Sam: "È come nelle grandi storie, padron Frodo, quelle che contano davvero. Erano piene di oscurità e pericoli e a volte non volevi sapere il finale. Perchè come poteva esserci un finale allegro, come poteva il mondo tornare com'era, dopo che erano successe tante cose brutte? Ma alla fine è solo una cosa passeggera, quest'ombra. Anche l'oscurità deve passare. Arriverà un nuovo giorno e quando il sole splenderà, sarà ancora più luminoso. Quelle erano le storie che ti restavano dentro, anche se eri troppo piccolo per capire il perchè, ma credo di capire ora. Adesso so: la persone di quelle storie avevano molte occasioni di tornare indietro e non l'hanno fatto... andavano avanti, perchè loro erano aggrappati a qualcosa. C'è del buono in questo mondo, padron Frodo... è giusto combattere per questo!". Scoprite con Jonas ciò per cui vale la pena farlo. La mia armatura e la mia spada scintillante sono pronte, e le vostre?

Voto: 


20 commenti:

  1. Piaciuto molto. Un inno all'umanità e alla bellezza, uno scrigno delle cose belle e delle cose brutte di cui gli uomini sono capaci. La soluzione: il pacchetto completo, o niente. L'ho preferito al libro :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Mik!^^Già, sembra proprio che dobbiamo beccarci il pacchetto completo...forse è giusto così. Se solo si potesse eliminare l'indifferenza: è una gran brutta bestia! Il film è carino, il libro purtroppo non l'ho letto.:)

      Elimina
  2. Io ho apprezzato moltissimo sia il libro che la trasposizione. A proposito di veggenti, la Lowry sembra aver previsto la realtà odierna con oltre due decenni d'anticipo. Molto bravo anche Twaithes, si è calato benissimo nella parte. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Cecilia!^^ Ti do pienamente ragione: la scrittrice c'ha azzeccato. La nostra realtà non è tutta rose e fiori, ma c'è tanto per cui vale la pena vivere e lottare. Davvero bravo il principino Filippo, si è riscattato!:)

      Elimina
  3. dovevo andarlo a vedere stasera al cinema, ma i miei accompagnatori mi hanno abbandonata...uffa! dovrò aspettare l'uscita in dvd...almeno ho il tempo per leggere il libro

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Licia!^^ Chissà perchè gli accompagnatori per il cinema, spesso danno buca...deve essere un virus contagioso!:D Mi hanno detto che il libro è bello, buona lettura cara!:)

      Elimina
  4. Cara socia e collega anche io puntavo su colpa delle stelle e preferivo...se non altro per la colonna sonora che è troppo carina!!! questo film non fa per me...ma quell attore mi ricorda....Ethan Hawke...non trovi?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao cara Iris!^^ Si, la colonna sonora di Colpa delle Stelle è molto carina, ma il film è straziante davvero. Bello, attori bravissimi, in particolare mi ha colpito molto il personaggio di Gus. Ho pianto tutto il tempo: è un argomento che mi tocca da vicino, la storia mi ha molto scossa. The Giver comunque è carino sai? Ora che me lo fai notare, il protagonista sembra un clone più giovane di Ethan!^^

      Elimina
  5. Wow, che bellissima recensione! *___*
    Devo dire che il film è piaciuto anche a me: mi ha commosso, e neanche poco.. Non me lo aspettavo! Bravi gli attori e bravo il regista! ^____^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Sophie!^^ Grazie, faccio quello che posso...non sono un'intenditrice ma cerco di trasmettere le sensazioni che mi lasciano i film.:) Nemmeno io mi aspettavo molto dalla storia, ma sono rimasta piacevolmente sorpresa!^^

      Elimina
  6. Mi ero persa il fatto che il protagonista fosse il principe con i boccoli 0.O Devo dire che è migliorato!Ahahah!
    Non so da quanti giorni dico che devo vederlo e ancora non sono riuscita.. spero di farlo presto perché mi ispira molto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Eli!^^ Eheheheh...nulla sfugge all'occhio lungo di questo vecchio elfo!:D Si, Filippuccio decisamente ha fatto grandi passi avanti, meglio così!:D Ti consiglio di guardarlo, fa riflettere su tante cose.:)

      Elimina
  7. non ho visto il film nè letto il libro, ma viene voglia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Chiara!:) Nemmeno io ho letto il libro, ormai non ho più tempo per farlo. Comunque il film te lo consiglio, sono sicura ti piacerà!^^

      Elimina
  8. Io non ho visto il film ma aspettavo troppo la tua recensione a riguardo!^________^....devo assolutamente vederlo!^_^
    Un bacione dolcissima!<3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao dolce Seleny!^^E' un onore per me, sapere che aspetti la mia opinione per guardare un film, ti ringrazio!:) Secondo me ti piacerà,:il protagonista è stato davvero bravo e ha reso perfettamente il senso della storia. Un bacione anche a te!^^

      Elimina
  9. Ciao Indil :3 non ho letto il libro perché ad essere onesta non mi attira, però sono molto curiosa di vedere il film! Ultimamente non ho avuto tempo nemmeno di respirare, quindi credo che lo guarderò in streaming appena avrò un po' di tempo e.e

    RispondiElimina
  10. Indil una bellissima recensione, complimenti! :3
    il film non l'ho visto, probabilmente aspetterò il dvd, perchè prima vorrei leggermi i libri. Quoto in pieno "Non c'è nulla di perfetto a questo mondo, Chris Hemsworth a parte." xD
    E anche la piccola verità che non c'è luce senza buio, e che bisogna passare per le cose brutte per saper apprezzare appieno le cose belle della vita. :) Un abbraccione!

    RispondiElimina
  11. Ciao Indil cara!
    Non ho letto il libro e sinceramente non mi ha mai ispirato molto la trama, però il film voglio vederlo soprattutto dopo la tua recensione perfetta! :)

    RispondiElimina
  12. Devo prima leggere il libro, quindi forse tra un decennio ti raggiungo e ti saprò dire se mi piace :D

    p.s. Un 10 e lode per la citazione finale...una delle mie preferite in assoluto *-*

    RispondiElimina

Caro lettore, leggere un tuo commento è per me una cosa preziosissima. Se il post ti è piaciuto lascia un segno del tuo passaggio, prometto che ti risponderò presto, e se ti va condividilo su Google+.
P.S. Se volete affiliarvi con Libri D'incanto mandatemi una mail o lasciate un commento nella sezione del menù "Affiliazioni". Non nel post, per favore.
P.P.S. Se volete farmi conoscere i vostri giveaway mandatemi semplicemente una email. Grazie ^-^