lunedì 1 dicembre 2014

RECENSIONE: La carezza leggera delle primule di Patrizia Emilitri

Buon pomeriggio carissimi e buon primo dicembre, qui il sole risplende dietro un cielo coperto di nuvole e l'aria sta spazzando via quel sentore appena annunciato del Natale. Speriamo che tutto il mese non sia all'insegna del maltempo! Smetto subito di fare queste chiacchiere futili perché oggi voglio iniziare la settimana parlandovi di un libro che ho semplicemente adorato, "La carezza leggera delle primule" scritto da Patrizia Emilitri. Una storia incredibile che mi ha tenuto fino a tarda notte con gli occhi spalancati.

Titolo: La carezza leggera delle primule
Autore: Patrizia Emilitri
Editore: Sperling & Kupfer
Pagine: 256
Prezzo: € 15,90
L'aria è gelida, a ricordare che l'inverno non è ancora finito. Un cielo plumbeo incornicia i pensieri di Claudia. Il sole sarebbe stato fuori luogo, nel giorno del funerale di sua madre. Lacrime, formalità, pratiche da sbrigare: il triste copione va in scena. Ma qualcosa di insolito accade quel pomeriggio stesso, quando Claudia riceve una strana busta accompagnata dalla lettera di una sconosciuta. La donna le affida un manoscritto inedito, una storia straordinaria di cui la ragazza, aspirante scrittrice, potrà servirsi per arrivare al successo. Clorinda è ricoverata in una casa di riposo. Ormai la sua vita è quasi tutta alle spalle, così almeno credono gli altri. Ma lei nasconde un segreto che è arrivato il momento di svelare. Una vicenda che ha radici molto lontane, nel giorno in cui Clorinda ha sfidato il proprio destino, scampando alla morte. Per farlo, si è servita di un vecchio quaderno di ricette appartenuto a una donna accusata di stregoneria, e ha attirato su di sé una terribile condanna. Ora, dopo tutti quegli anni, ha finalmente trovato la persona cui consegnare la propria storia. Qualcuno che condivide con lei molto più di quanto possa immaginare. Qualcuno che, come è stato per lei in passato, dovrà fare una scelta pericolosa. Una storia al confine tra realtà e sortilegio, un romanzo che racconta di donne al bivio tra ciò che è giusto e ciò che vogliono davvero.
Il giorno del funerale di sua madre Sara riceve dalle mani di uno sconosciuto la lettera di una certa Clorinda Montaldo. La donna pare sapere ogni cosa riguardo la sua vita. Dalla morte di sua madre, al ciondolo che porta sempre al collo, al romanzo che la ragazza sta scrivendo con il sogno di diventare una famosa scrittrice. Claudia in un primo momento pensa a uno scherzo di cattivo gusto ma nessuno conosce i suoi segreti, a differenza di quella donna che sembra invece sapere tutto. Clorinda vuole che la ragazza abbandoni il suo manoscritto in cambio di una storia, la sua storia, che la renderebbe un'autrice famosissima e unica proprietaria dell'opera. A Clorinda non interessano le luci della ribalta. Lei è soltanto una povera vecchia vissuta troppo a lungo ed è giunto il momento di far conoscere alla ragazza tutta la verità. Claudia è arrabbiata dall'arroganza della donna ma non può fare a meno di leggere la prima parte del racconto che senza dubbio è interessante. Inizia così il lungo viaggio nella vita di Clorinda Montaldo, una storia magicamente oscura che trascina Claudia nella lettura fino all'ultima pagina.
Ho divorato questo libro. Non si può farne a meno. Non solo per lo stile così bello e avvincente dell'autrice, ma perché la storia è un continuo colpo di scena, un susseguirsi di emozioni contrastanti in cui la rabbia è senza dubbio il fattore più importante. Claudia e Clorinda. Una giovane l'altra vecchia. Due donne che in un primo momento sembrano non avere niente in comune ma sono così simili sotto tanti aspetti. Sono rimasta molto colpita (ma molto) dalla storia di Clorinda. A volte ho provato una forte empatia nei confronti di questa donna che nel corso della sua lunga esistenza ha passato di tutto. E' stata povera, felice, triste, disperata, innamorata, e sempre senza possibilità di scelta. Ha compiuto tutte le decisioni sbagliate possibili, e quell'empatia che tanto provavo è svanita in un soffio. Clorinda che è fuggita da tutti i suoi problemi, che ha abbandonato ed è stata abbandonata, che è andata avanti con la sua vita nonostante i rimorsi di coscienza e le notte insonni, che ha dato tanto amore alle persone, accudendole e salvandole. Questa donna che a volte sembra un angelo a volte il demonio stesso. Chi è Clorinda Montaldo? Cosa l'ha indotta a comportarsi così?
Questa è la storia di una maledizione. La storia di tre donne legata da un unico filo conduttore. Sono arrivata alla fine del libro senza accorgermi della verità più ovvia. Quella verità che ho avuto sotto il naso per tutto il tempo, e quando ho letto l'ultimo rigo dell'ultima pagina mi sono accorta che avevo ancora delle domande. La cosa mi ha fatto storcere un pò il naso ma penso che ognuno può trarre conclusioni diverse rispetto alle mie. Questo è un libro che si legge per il bisogno di sapere, per il bisogno di conoscere la verità. E' un libro sorprendente e drammatico. Mi ha coinvolto nella storia, mi ha fatto conoscere tante persone quante ne ha conosciute Clorinda. Mi ha fatto amare come ha amato Clorinda e mi ha fatto piangere come ha fatto lei. Eppure ho provato rabbia e ho sperato fino all'ultimo che qualcosa di buono Clorinda avesse tratto dalla sua storia. Se è così lo scoprirete solo leggendo...

Dal libro "La carezza leggera delle primule"
"Perché una storia inizi davvero, come lei da scrittrice m'insegna, si deve cominciare dal principio, da questo primo fascicolo scritto come una fiaba, come una storia di fantasia e di orrore da leggere alla luce di un falò, seduti su una spiaggia, il giorno dei morti. Non si spaventi, la Storia è Storia e nemmeno i grandi studiosi sono mai riusciti ad accomodarla. 
Periodicamente, in un ragionevole lasso di tempo, riceverà fascicoli come questo che le spiegheranno, pagina dopo pagina, e la convinceranno che, alla fine, questa sarà la sua strada verso il successo. E sarà il mio premio. Allora, solo allora, potrò finalmente morire. 
Cordialmente, 
Clorinda Montaldo, lì 24 febbraio 2000


Miei cari, cosa ne pensate? Spero di avervi incuriosito se ancora non lo avete letto. Io stessa non pensavo di trovarmi di fronte una storia così affascinante e importante e davvero non riuscivo a smettere di leggere. Se invece lo avete già letto fatemi sapere. 

22 commenti:

  1. Sono davvero, davvero felice che sia piaciuto anche a te tesorina!!! Si, è vero, Clorinda è un personaggio molto forte che ti sorprende e spesso sconvolge per le sue scelte a volte spiazzanti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao scemots :D
      Clorinda e le sue scelte mi hanno letteralmente sconvolto.
      Insomma non ha mai rischiato nulla ed è sempre fuggita. Comunque alla fine ha sofferto un sacco ma soltanto per colpa sua. Tale padre tale figlia ;)

      Elimina
  2. Ahhh...sono contenta che ti sia piaciuto!!!Anche a me è piaciuto tantissimo, l'ho divorato e il personaggio di Clorinda così forte e determinata mi ha stupita!!!Bello bello...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao cara, l'ho letto in due giorni. Mi è piaciuto veramente tanto *-*
      E' stata una lettura abbastanza sofferta però a me Clorinda ha fatto un sacco arrabbiare!

      Elimina
  3. che bella recensione!!! visto che è così bello lo metto in wishlist!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per la fiducia tesoro *-*
      Spero ti piacerà :)

      Elimina
  4. Sono tanto felice che ti sia piaciuto! Io gli ho dato 5 stelle, me ne sono completamente innamorata! ♥

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Rowan ^-^
      Mi è piaciuto proprio tanto. Gli ho tolto mezza stellina perché mi ha un pò scombussolato. Ma avrei voglia di rileggerlo ancora *-*

      Elimina
    2. Io invece gli ho dato 5 stelle proprio perché mi ha messo sotto sopra, ahaha! xD

      Elimina
  5. Questo libro ha una trama davvero originale ed intrigante e quella cover mi piace un sacco!
    Sono molto curiosa nei confronti della storia di Clorinda adesso :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eli è un libro davvero ben fatto e molto particolare. Una volta che lo si inizia non lo si molla più. Non mi sono mai annoiata perché la storia è ricca di colpi di scena. Te lo consiglio ;)

      Elimina
  6. Ho sentio tessere le lodi di questo libro fino in capo al mondo, inutile dire che DEVE essere mio, mi ispira un sacco.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahah! Allora lo devi leggere immediatamente! Ne vale la pena ;)

      Elimina
  7. Ma che carino!! *^* ennesima recensione positiva, ormai lo voglio pure io U_U

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Molto ma molto carino ^-*
      Penso proprio che ti piacerà.... almeno lo spero :-*

      Elimina
  8. Ciao Violet! Avevo letto ieri la recensione, ma avevo un mal di testa gigante e ci avevo capito poco, anche se a primo acchitto avrei detto che questo romanzo non mi ispirava U.U L'ho riletta ora, e sembra interessante, anche se non so se mi potrà piacere... me lo segno comunque non si sa mai ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma Rosellina non ti preoccupare ^-*
      Secondo me potrebbe piacerti. Insomma è un continuo colpo di scena ;)
      Provalo se puoi ^-^

      Elimina
  9. Un altro commento positivo di questo libro. Mi toccherà leggerlo allora

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi sa proprio che ti tocca ihihihih ;)

      Elimina

Caro lettore, leggere un tuo commento è per me una cosa preziosissima. Se il post ti è piaciuto lascia un segno del tuo passaggio, prometto che ti risponderò presto, e se ti va condividilo su Google+.
P.S. Se volete affiliarvi con Libri D'incanto mandatemi una mail o lasciate un commento nella sezione del menù "Affiliazioni". Non nel post, per favore.
P.P.S. Se volete farmi conoscere i vostri giveaway mandatemi semplicemente una email. Grazie ^-^