lunedì 13 luglio 2015

RECENSIONE: The Boss di Abigail Barnette

Buon pomeriggio lettori e ben tornati! Purtroppo il caldo mi ha fuso il cervello e non sono riuscita a programmare nemmeno un post la scorsa settimana. Avevo diverse cose in mente ma tutto è andato in fumo, non ho iniziato nemmeno la mia TBR estiva e ho alcune recensioni in arretrato perciò vediamo di ripartire alla grande. 
Per questo lunedì accantoniamo le uscite della settimana perché voglio parlarvi di The Boss, primo volume di una serie composta da cinque libri scritta da Abigail Barnett, pseudonimo di Jennifer Armintrout (attenzione al nome) già conosciuta al pubblico italiano per la serie urban fantasy "Blood Ties" edita da Harlequin Mondadori. Ero curiosa di leggere questo libro non solo per la trama accattivante ma per il fatto che i seguiti hanno gli stessi protagonisti. Basta romanzi autoconclusivi, fatemi scavare nell'animo dei personaggi con cui ho iniziato la storia. Secondo voi sono strana? 

Titolo: The Boss (The Boss #1)
Autore: Abigail Barnette
Editore: Newton Compton
Pagine: 352
Prezzo: € 9,90
Sophie Scaife ha in tasca il biglietto per New York dove farà l’università, ma l’idea di chiudersi in un campus per anni la terrorizza e così, una volta in aeroporto, decide di cambiare destinazione: una fuga vera e propria verso il Giappone. Il volo però è in ritardo e l’attesa snervante, così durante quelle ore la ragazza conosce un affascinante sconosciuto con cui trascorre un notte di travolgente passione. La mattina seguente Sophie si sveglia con le idee molto meno confuse e decide di affrontare con serietà lo studio che la aspetta. Sono passati diversi anni da allora, e adesso Sophie occupa un ambito posto di lavoro in una prestigiosa rivista di moda di New York. Ma quando scopre che l’uomo misterioso con cui ha passato la notte è il suo nuovo capo, il multimilionario magnate dell’editoria Neil Elwood, la ragazza non resiste alla tentazione di accorciare di nuovo le distanze tra loro. Neil le fa scoprire un lato sconosciuto di sé, perché è l’unico che ha capito cosa le piace e come soddisfare i suoi desideri più nascosti. Ma dopo qualche tempo di incontri senza regole, Sophie si troverà di fronte a un pericoloso bivio e dovrà scegliere tra carriera e amore... col rischio di perderli entrambi.
Sophie Scafie lavora come assistente per la rivista di moda "Porteras", una delle più conosciute al mondo. Purtroppo la direttrice del giornale viene licenziata e al suo posto subentra il magnate dell'editoria Neil Elwood, con cui sei anni prima ha trascorso una notte bollente che ha segnato per sempre il suo destinoSophie è giovane e bella e la sua carriera lavorativa è al momento la cosa più importante, ma con l'arrivo di Neil tutto sembra perdere interesse. Dopo un primo momento di imbarazzo, dovuto al fatto che entrambi ricordano cosa è accaduto quella notte, Neil e Sophie decidono di riprendere la loro relazione ma senza impegno solo sesso, il lavoro è escluso dai loro discorsi, la cosa più importante è vivere il presente senza preoccuparsi del dopo. All'inizio sembra facile separare il sesso dal lavoro, ma quando un complotto minaccia il fallimento di Porteras, Sophie non sa se scegliere la carriera o l'amore che ha appena scoperto di provare per Neil. 
Ammetto che questo libro ha catturato la mia attenzione non appena ho letto la trama. Di solito apprezzo molto il genere anche se faccio un'accurata selezione dovuta al fatto che tutti i romanzi erotici hanno le medesime trame. In The Boss c'erano però diversi fattori che mi hanno colpito. Primo fra tutti una serie che ha come protagonisti gli stessi personaggi. Mi sono stufata dei volumi autoconclusivi perché ho voglia di complicazioni all'interno della stessa coppia. La  seconda cosa che mi ha colpito è la differenza di età, ben ventiquattro anni di differenza. Neil è un bellissimo uomo di quarantotto anni, tra l'altro portati benissimo visto che ha un fisico scultoreo e i capelli biondi con qualche spruzzata di argento. E' uno degli uomini più ricchi d'Inghilterra, ha una figlia che ha la stessa età di Sophie e un paio di matrimoni alle spalle. In lui pensavo di vedere il tipico maschio alfa che comanda e rinchiude la sua bella in una gabbia d'oro, ma non è affatto così perché Neil è un uomo molto dolce, comprensivo e che nell'intimità diventa un vero dominatore. Sophie, invece, è uno spirito libero, per lei è importante separare la carriera dall'amore, non vuole sposarsi e avere figli non vuole niente che intralci il suo lavoro cosa che ben presto diventerà un problema per la coppia. 
Avevo alte aspettative per questo romanzo che non sono state del tutto ripagate. Mi aspettavo qualcosa di più avvincente e intrigante invece in alcuni punti l'ho trovato piatto e di conseguenza noioso. Sono rimasta delusa dai personaggi in particolar modo da Sophie, viste le sue indecisioni sul riferire o meno a Neil del boicottaggio che sta avvenendo all'interno dell'azienda. La sua apparente freddezza nel constatare che un figlio o un matrimonio sarebbero d'intralcio alla sua carriera mi ha molto infastidito, come se fosse un male da prevenire subito. Per quanto riguarda Neil, la cosa che mi ha lasciato di stucco, è la sua tranquillità, forse perché sono abituata a personaggi più dominanti e poco inclini ai sentimentalismi. Il suo lato dominatore prevale senza dubbio nell'intimità. Se devo essere sincera ho preferito lui a Sophie che ho cominciato a comprendere soltanto verso la fine. 
Il romanzo è parecchio spinto con accenni di BDSM. Sophie vuole sperimentare tutto nel suo ruolo da sottomessa e Neil preferisce fare le cose con calma per avvicinarla al suo mondo. I dialoghi sono interessanti ma alcune parti ripetitive perché il problema costante è il fallimento di Porteras. Ci sono rimasta molto male dal finale per quanto era logico andasse esattamente in quel modo. I personaggi secondari li divido in due gruppi: gli insopportabili snob e gli incompresi. Nonostante patteggi per questi ultimi sono sicura che ognuno di loro avrà un'importanza fondamentale nei successivi volumi. 
Nonostante tutto non mi sento di bocciare il libro e lo consiglio esclusivamente agli amanti del genere, sopratutto a coloro a cui non disturbano scene di sesso parecchio descrittive. 

La serie è composta da: 
1. The Boss
2. The Girl - uscita in Italia 30 luglio
2.5 The Hook Up
3. Tre Bride
4. The Ex
5. The Baby

****
Ebbene carissime, cosa ne pensate? C'è qualcuno che lo ha letto e che non la pensa come me? Vorreste leggerlo? Vi aspetto nei commenti. Un beso!

8 commenti:

  1. Ciao Violetta cara! A me questo romanzo già da prima non mi sconfifferava, e boh la tua accurata recensione non mi ha fatto cambiare idea (wish list salva per il momento!). Cioè il fatto che lui sia un uomo sulla cinquantina e lei molto più giovane poteva essere intrigante, però la penso come te, Sophie che pensa solo al lavoro e che a sentir parlare di matrimonio e figli si tappa le orecchie non me la fa piacere per nulla. Questa volta salto... chissà se mi convincerai con la prossima recensione ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Rosellina, manco a farlo apposta ho appena lasciato un commento sul tuo blog ihihih ;p
      Guarda, la protagonista mi ha proprio dato fastidio. Sopratutto quando ammetteva di non voler avere figli. Alla fine ognuno fa come vuole ma non sopportavo il fatto che lei ne parlasse con freddezza e fastidio quasi fosse un moscerino da scacciare via. In quei momenti l'ho odiata tantissimo. Lui lo preferisco solo perché è sexy nell'intimità ma troppo comprensivo su alcune cose... comunque voglio leggere il secondo perché ci sono rimasta male per come si è concluso. Alla fine Sophie mi ha fatto pena...

      Elimina
  2. Ciao Violet ^^
    Mmm direi che questa volta non è il mio genere :)
    Mi dispiace non ti abbia convinta del tutto ma magari, dato che non è autoconclusivo, molte cose saranno più approfondite nei seguiti :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao bella! So che non è il tuo genere proprio per questo l'ho consigliato alle persone che come me ci vanno a nozze ;). Certo però mi aspettavo qualcosa di più :'(
      Sono sicura che i seguiti mi piaceranno di più... almeno è quello che ho capito dalle trame...

      Elimina
  3. Ciao, lo sto leggendo ora questo libro, non è eccezionale, ma mi sta piacendo. Ciao.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Ire! Fammi sapere cosa ne pensi quando lo hai finito ^-*

      Elimina
  4. ciao, a me questo libro è piaciuto, anche se ho trovato difficile leggere alcune parti per la traduzione non proprio accurata. Comunque ti capisco per i libri facente parte di serie la penso come te anche se questo lascia proprio in sospeso...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Chiaré! Concordo sulla traduzione che ha lasciato un pò a desiderare...
      Ah finalmente qualcuno che la pensa come me! Io voglio continuare a leggere la storia con gli stessi personaggi. Basta autoconclusivi! >_<

      Elimina

Caro lettore, leggere un tuo commento è per me una cosa preziosissima. Se il post ti è piaciuto lascia un segno del tuo passaggio, prometto che ti risponderò presto, e se ti va condividilo su Google+.
P.S. Se volete affiliarvi con Libri D'incanto mandatemi una mail o lasciate un commento nella sezione del menù "Affiliazioni". Non nel post, per favore.
P.P.S. Se volete farmi conoscere i vostri giveaway mandatemi semplicemente una email. Grazie ^-^