venerdì 13 novembre 2015

RECENSIONE: "Se non torni sto male" di Mia Sheridan

Buon venerdì lettori d'incanto, oggi vi lascio con un'altra recensione e vi parlo del romanzo Se non torni sto male di Mia Sheridan, uno standalone di stampo new adult e contemporary romance. Ho sentito molto parlare di quest'autrice sopratutto per il libro Archer's Voice di cui la Newton ha acquistato i diritti e che ha ottenuto in America un grande successo. Lo aspetto da tempo perché la storia farà a pezzi la nostra anima da crocerossine, ma ve ne parlerò in seguito. Se non torni sto male come Archer's Voice fa parte della serie Sign of Love che si contraddistingue perché ogni libro fa riferimento a un segno zodiacale diverso. Nessuna connessione tra i romanzi visto che sono tutti autoconclusivi. 

Titolo: Se non torni sto male
Autore: Mia Sheridan
Editore: Newton Compton
Pagine: 256
Prezzo: € 12,00
Evie e Leo si sono incontrati all’orfanotrofio quando avevano dieci e undici anni e nel tempo sono diventati amici per la pelle. Man mano che sono cresciuti, il loro legame è diventato sempre più forte fino a trasformarsi in qualcosa di più vicino a una relazione sentimentale: si sono promessi amore eterno e una vita insieme una volta liberi di decidere del loro futuro. Quando Leo viene adottato e si trasferisce in un’altra città, promette a Evie che si terrà sempre in contatto con lei e che tornerà appena maggiorenne a riprenderla. Ma non si farà mai più sentire e per Evie la sua perdita sarà un dolore incontrollabile. Otto anni dopo, a dispetto di ogni previsione, Evie si è costruita una vita abbastanza tranquilla con un lavoro e degli amici affettuosi. Un giorno, di punto in bianco, si presenta uno sconosciuto sostenendo che il suo amore a lungo perduto, Leo, l’ha mandato a cercarla. L’attrazione tra i due è immediata. Ma Evie è confusa… si può fidare delle parole di questo ragazzo mai visto prima? E che ruolo ha Leo in tutto questo e perché non è venuto lui stesso a cercarla?

Recensione
Evie e Leo si incontrano nella stessa famiglia affidataria quando avevano rispettivamente undici e dodici anni. Entrambi sono stati abbandonati dai genitori. Crescendo sono diventati inseparabili, anche se vivevano in famiglie diverse. Quando aveva quindici anni Leo viene adottato da una famiglia di San Diego. Promette ad Evie di tenersi in contatto, di aspettarlo perché il loro amore sarebbe durato per sempre e che non appena avesse compiuto diciotto anni sarebbe tornato a riprenderla. Evie non lo rivedrà mai più. Otto anni dopo Evie vive per conto suo in un piccolo appartamento, lavora come cameriera, ha degli amici che le vogliono un gran bene e si ritiene soddisfatta della sua vita. Eppure dentro di sé soffre ancora per la mancanza Leo. Durante gli anni della loro separazione Evie non si è mai arresa, cercando ogni stralcio di notizia in cui avesse potuto ricavare delle informazioni su di lui. Ma Leo è completamente sparito. Poi un giorno inizia ad essere seguita da un uomo, e così per diverse settimane fino a quando non mette all'angolo lo sconosciuto per chiedergli spiegazioni. Il misterioso stalker si chiama Jack Madsen ed è stato incaricato da Leo di tenerla d'occhio, per accertarsi che stesse bene, che vivesse una vita tranquilla. Lui sembra capirla, consolarla, standole vicino in maniera affettuosa e dichiarando apertamente di volere qualcosa di più. Evie vive le sue prime esperienze con Jack ma sa che lui continua a nasconderle delle cose e i suoi atteggiamenti non fanno altro che confermarlo, fino alla terribile verità. 

Dopo le mille lodi che avevo letto su Archer's Voice mi aspettavo grandi cose da questo libro. E come spesso accade, dopo la lettura, tutte le aspettative che avevo si sono sgonfiate come un palloncino. Se non torni sto male è una storia carina, dolce, ma con un linguaggio sessuale inappropriato per un libro del genere. L'autrice ha uno stile scorrevole, forse anche troppo, ma il suo modo di narrare ogni più piccolo gesto della protagonista mi ha dato parecchio fastidio. Invece di limitarsi a poche parole del tipo "mi lavo, mi vesto ed esco" ecco che abbiamo "mi lavo con questo, mi vesto con questo, questo e quest'altro. Mi trucco con questo, bevo questo, mangio questo, vedo questo, dormo, sogno, mi sveglio, vado in bagno, ricomincio e cosi via..." il tutto in un'intera pagina! Però capisco anche che la Sheridan abbia voluto mostrarci la quotidianità di Evie, con le sue normali abitudini, la sua vita tranquilla fatta di lavoro, casa e qualche cena con gli amici, del tutto diversa dagli anni in cui passava da una famiglia affidataria all'altra. Evie è un personaggio davvero molto dolce e che nonostante le sofferenze che ha ricevuto da bambina, è rimasta sensibile e di gran cuore. Sempre pronta ad aiutare chi ha bisogno di un gesto d'amore. Evie mi è piaciuta davvero tanto anche con le sue favole strambe perché il suo sogno è quello di diventare scrittrice.

Jack è bellissimo, simpatico, premuroso e molto affascinante. Ha appena rilevato l'azienda di famiglia, vive in un bell'appartamento e da giorni segue Evie per conto del suo amico Leo. Jack non ha un rapporto idilliaco con i propri genitori, in particolar modo con la madre, ma è un ragazzo con la testa sulle spalle, anche se nasconde molte cose, come donne che spuntano dal nulla e atteggiamenti strani. Evie è incerta se fidarsi o meno ma l'amore benda gli occhi e dissemina scintille con un solo tocco, facendo perdere la prudenza e accantonando i pensieri in un angolo della mente. Poi accade l'inevitabile ed è troppo tardi. Anche Jack ha sofferto. Anche Jack ha perso qualcuno. Anche Jack ha un passato burrascoso alle spalle che lo ha reso l'uomo che è diventato adesso

Come vi dicevo il romanzo è carino e drammatico ma niente di più. Purtroppo l'autrice usa un linguaggio davvero inappropriato per un new adult che non si trova nemmeno nell'erotico più spinto. Non capisco a cosa sia dovuta questa scelta ma ha rovinato l'essenza del libro. La storia scorre velocemente e accade tutto molto in fretta, non ha una trama particolarmente avvincente e l'unica cosa che interessa è sapere cosa nasconde Jack e perché Leo ha mandato l'amico invece di presentarsi lui stesso. Nelle ultime pagine si scopre finalmente la verità e devo dire che non ne ero affatto sorpresa perché alcune cose erano facili da intuire, a differenza di altre. L'epilogo è molto dolce e romantico e l'ho trovato perfetto per questo libro. In conclusione lo consiglio a chi cerca una storia romantica anche se un pochettino troppo hot e con un pizzico di dramma. Nel frattempo aspetto la versione cartacea raccontata dal pov di Leo per saperne qualcosa di più. Sono sicura che sarà, se non migliore, almeno più interessante. 


(tre caffè e mezzo)

↓↓↓↓
Ok, anche questa settimana si conclude qua. Come sempre aspetto i vostri commenti. Fatemi sapere se avete letto il libro e se la pensate come me oppure no. Ci rileggiamo lunedì con tante nuovissime anteprime. Buon fine settimana! 

14 commenti:

  1. Ciao Violet... sinceramente mi incuriosiva un pochino, ma ho dei dubbi. Questo linguaggio inappropriato nelle scene hot - che mi ricorda qualcosa tipo quello di Abbi Glines - proprio non mi convince. Mi sa che passo questa volta ;/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non l'ho detto ma anche a me ricordava tantissimo Abbi Glines anche se non con questo linguaggio osceno >_< veramente qui è davvero orribile...

      Elimina
    2. Ecco, appunto, a me la Glines aveva dato fastidio proprio per quella volgarità, immaginiamo questo X(

      Elimina
    3. Fidati che questo è peggio però >_<
      Il fatto è che la Glines oltre a quelle scene faceva risultare anche tutto il resto un pò stupido. Almeno qui la storia si concentra su loro due e non ci sono fattori esterni a mettere di continuo lo zampino ;D

      Elimina
  2. Oddio, quanto odio quando l'autrice inizia ad elencare tutto quello che fa un personaggio! E' vero che amo i dettagli..ma ci sono modi e modi di raccontarlo! Già mi immagino a leggere il libro e ad imprecare come uno scaricatore di porto per questa storia..perciò passo U.U

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahah Giù infatti il libro non è proprio il tuo genere... anche se mi sarebbe piaciuto vederti imprecare come uno scaricatore di porto ;D

      Elimina
  3. Ciao carissima!! Nonostante tutto sono curiosa di leggere questo libro, ma prima di iniziarlo, volevo avere tra le mani anche il cartaceo di Leo. Speriamo che la Newton si sbrighi....
    Buon fine settimana!!!
    Bacioni

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao bellezza, ormai tu lo devi leggere perché lo hai comprato però fammi immediatamente sapere su cosa ne pensi, perché sono curiosa di vedere se non sono la sola a pensarla così ^-* Proprio ieri ho letto una recensione sul pov di Leo... mmm mi sa che la storia non migliora troppo >_<
      Buon fine settimana a te :-*

      Elimina
  4. Mmm... devo dire che la trama di questo libro mi attira parecchio, ma da quanto ho capito dalle tue parole non è sviluppata nel modo in cui pensavo (credevo fosse più drammatico), però sono ugualmente curiosa di leggerlo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch'io mi aspettavo qualcosa di più drammatico e in effetti quando Jack racconta la sua storia lo è, ma solo a fine libro. Diciamo che è una storia carina e romantica va ;)
      Fammi sapere se lo leggi ^-^

      Elimina
  5. Ciao Violet! Io ho avuto le tue stesse perplessità, infatti non ho apprezzato pienamente questo libro, ma avevo sentito parlare della serie da molto proprio per il libro di Archer, quindi non mi resta che attendere quello e vedere se mi piacerà =)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao cara ^-*
      Anch'io sto aspetto Archer's Voice e spero con tutto il cuore che non mi deluda, anche se dopo questo ho un pò paura. E spero sopratutto che non continui ad usare questo linguaggio osceno che mi ha letteralmente disgustato >_<

      Elimina
  6. ho letto in questi ultimi due giorni anche io questo libro e ho già preparato una recensione molto più cattiva della tua. Il linguaggio, da metà in poi, è assurdo, non c'entra nulla con il genere del libro. E poi anche la storia l'ho trovata esageratamente prevedibile ed è vero, sapere cosa si mette, cosa mangia ecc dopo un po' stufa. E poi butta lì temi importanti e difficili ma non li affronta. Io l'ho decisamente bocciato anche se un po' di curiosità per la versione maschile c'è

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sai che queste tue parole mi stanno facendo credere che forse ho sbagliato a dargli tre e mezzo. Il fatto è che nonostante tutti i difetti che hai evidenziato ho trovato la storia carina e con un buon epilogo niente di più. Certo però quelle scene...
      Aspetto anch'io di leggere la versione maschile per vedere com'è >_<

      Elimina

Caro lettore, leggere un tuo commento è per me una cosa preziosissima. Se il post ti è piaciuto lascia un segno del tuo passaggio, prometto che ti risponderò presto, e se ti va condividilo su Google+.
P.S. Se volete affiliarvi con Libri D'incanto mandatemi una mail o lasciate un commento nella sezione del menù "Affiliazioni". Non nel post, per favore.
P.P.S. Se volete farmi conoscere i vostri giveaway mandatemi semplicemente una email. Grazie ^-^