venerdì 5 febbraio 2016

POPCORN: Revenant - Redivivo


Buon pomeriggio lettori incantanti, oggi torna una nuova puntata di Popcorn e vi parlo di un film che avevo desiderio di vedere soltanto per il suo attore protagonista. Ho sempre adorato Leonardo di Caprio, anche se negli ultimi anni l'ho perso un pò di vista, ma questo è il film con cui vincerà (oh sì perché lui lo vincerà) l'Oscar, se fosse il contrario comincerei a pensare che quelli dell'Accademy boicottano la sua candidatura perché non è possibile che dopo tutti questi anni, dopo aver ricevuto sei e dico 6 candidature all'Oscar, uno degli attori più bravi degli ultimi vent'anni non abbia ancora ritirato la mitica statuetta. Nonostante Leonardo di Caprio sia venuto alla ribalta grazie al ruolo di Jack Dawson in Titanic, rimarrà sempre uno dei migliori attori di Hollywood. Per me. 

Devo ammettere che non ero affatto intenzionata a vedere questo film. Se un trailer non mi piace o non mi convince non ci penso proprio a dedicargli una parte del mio tempo. Sono fatta così, ormai è difficile che un film mi catturi al 100%, però quando Leo ha vinto il Golden Globe per questa interpretazione, mi sono subito resa conto che Revenant sarebbe stato il film con cui finalmente avrebbe fatto centro per vincere l'Oscar. Ho visto la maggior dei suoi film, alcuni mi sono piaciuti, altri meno, e altri non sono riuscita a vederli fino alla fine. Avevo quindici anni quando Titanic approdò al cinema e ci resto per ben tre mesi tanto fu il successo mondiale che consacrò lui e la Winslet, ma io lo conoscevo già per aver interpretato un ragazzino di nome Luke in Genitori in blue jeans di cui mia sorella era una fan accanita. Dopo tutti questi anni posso ammettere che con Leonardo di Caprio ho una certa sintonia che non ho con nessun altro attore. Se prima mi piaceva per la sua giovane bellezza adesso lo apprezzo per la sua bravura, perché mi suscita sempre tanta emozione guardare i suoi film e apprezzare la sua interpretazione. Con Revenant ho provato la stessa identica cosa perché l'interpretazione di Leo è eccezionale... anche se non parla molto. 

Nel 1823 Hugh Glass (Leonardo di Caprio) partecipa ad una battuta di caccia alla ricerca di pelli e pellicce. Con lui c'è anche il figlio adolescente Hawk (Forrest Goodluck), avuto da una moglie indiana rimasta uccisa anni prima durante un conflitto con i soldati americani. Hugh funge da guida al gruppo perché è il solo a conoscere quei territori inesplorati, ma all'improvviso subiscono un attacco dagli indiani Arikara che riescono a uccidere ben trentatré cacciatori. Una dozzina di loro, tra cui Hugh e suo figlio, si salvano e decidono di rimettersi in marcia per tornare al villaggio. Prendono una barca per ridiscendere il fiume ma su consiglio di Hugh decidono di proseguire a piedi per paura di essere accerchiati di nuovo dagli indiani, così nascondono le pelli e s'incamminano affrontando il freddo. Mentre alcuni di loro si riposano, Hugh si ritrova a passeggiare nella foresta e incappa in due cuccioli di orso, ma alle sue spalle arriva una femmina di grizzly che lo attacca ferocemente provocandogli gravi ferite e riducendolo in fin di vita

Avvertiti dalle urla i cacciatori trovano Hugh in agonia. Gli prestano i primi soccorsi per arrestare l'emorragia e decidono di trasportarlo su una barella di fortuna e riprendere il viaggio. Ma la strada è impervia, il trasporto della barella li rallenta e devono tornare in fretta al villaggio prima di essere di nuovo attaccati dagli indiani. Il capitano Henry (Domhnall Gleeson) credendo che Hugh sia ormai in fin di vita decide di ucciderlo per alleviare le sue sofferenze, ma non ha il coraggio di portare a termine il piano perciò chiede a tre dei suoi uomini di rimanere con lui per assisterlo. Si offrono volontari Hawk, il giovane Jim Bridger (Will Poulter) e John Fitzgerald (Tom Hardy) che rimane unicamente per la ricompensa offerta dal capitano. Ma Fitzgerald si è sempre dimostrato scontroso e attacca brighe nei confronti di Hugh e suo figlio e all'inizio il capitano diviene alquanto sospettoso, così prima di andarsene gli fa promettere di assistere Hugh fino alla fine e di concedergli una degna sepoltura. Mentre Hawk e Bridger si allontano per qualche ora, Fitzgerald ne approfitta per indurre Hugh al suicidio a causa dello stato in cui versa, lui a malincuore accetta così Fitzgerald gli mette un panno in bocca per soffocarlo, ma arriva Hawk a salvare il padre e Fitzgerald per crudeltà lo pugnala. Hugh assiste impotente alla morte di suo figlio e di conseguenza Fitzgerald ne nasconde il cadavere. Quando Bridger torna non sa dell'accaduto e viene ingannato da Fitzgerald che gli dice di non aver visto il ragazzo. Durante la notte Fitzgerald costringe Bridger a fuggire immediatamente e ad abbandonare Hugh per aver scorto una ventina di indiani avvicinarsi al loro rifugio. Gettano Hugh in un fosso e fuggono via. Rimasto da solo Hugh riesce ad uscire dal fosso e a sopravvivere miracolosamente. La vendetta ormai è l'unica cosa che gli rimane

Dal trailer avevo capito si trattasse di un film sulla sopravvivenza, ma non pensavo di assistere alla visione di scene così drammatiche e profondamente disturbanti. Leonardo di Caprio è dovuto andare contro tutti i suoi principi per la parte, mangiando carne cruda quando nella realtà è invece vegetariano. La scena in cui viene attaccato dall'orso mi ha impressionato tantissimo perché si assiste ad una violenza inaudita, e ancora mi domando quali effetti speciali abbia usato il regista per rendere quella parte così veritiera perché alcune sequenze erano davvero enigmatiche. Infatti alcuni giornalisti hanno ipotizzato che nella scena c'era un atto di violenza sessuale, ma l'attore ha categoricamente smentito dichiarando che il grizzly era una femmina che voleva proteggere soltanto i suoi cuccioli. Inoltre ho letto diverse curiosità sul film, tipo che gli attori hanno dovuto patire il freddo girando addirittura durante i 27 gradi sotto zero, e sottoporsi ad un make-up estremo. Hugh Glass e Jim Bridger sono personaggi realmente esistiti. Bridger, interpretato dal bravissimo Will Paulter (Le cronache di Narnia - il viaggio del veliero e Maze Runner - il labirinto) era uno dei cacciatori più noti del West, mentre Glass non era sposato e non aveva figli. Tom Hardy, che nel film interpreta il crudele John Fitzgerald, non mi è piaciuto. Nel senso che, è evidente che abbia recitato la parte alla perfezione, è stato talmente convincente che la parte gli è valsa la candidatura all'Oscar come miglior attore non protagonista, e per me la merita. Ma fa davvero paura. Voglio dire, io ho paura di lui perché ha la faccia da serial killer. Qualche anno fa ho visto un suo film dove interpretava un feroce, pazzo serial killer esistito realmente (Bronson) e da lì, ogni volta che lo vedo, mi fa paura. Non lo vorrei mai come amico e nemmeno come conoscente. Probabilmente una paura ingiustificata, lo so. Pare inoltre che sia stato proprio Leo a convincerlo ad accettare la parte. 

Revenant è stato girato sia in Canada che in Argentina e ha ottenuto ben 12 candidature all'Oscar tra le quali miglior regia e miglior effetti speciali. Infatti rimane un mistero a molti su come il regista, Alejandro Gonzales Innaritu (???) abbia girato la scena dell'orso. Come vi avevo già accennato Leonardo di Caprio parla davvero molto poco nel film perché la sua interpretazione è più fisica che altro visto che l'orsa gli lacera quasi le corde vocali, e non fa che grugnire e urlare tutto il tempo. Le espressioni facciali quali la disperazione, l'odio, la pietà, la tristezza, la sofferenza inaudita per la perdita del figlio sono state perfette. C'era tutto questo sul suo volto. La parte invece che non ho apprezzato particolarmente sono stati i flashback con la moglie visto che lui soffre ancora per la sua perdita. Non mi sono piaciuti perché non mi sembravano convincenti, non mi ha convinto nemmeno l'attore che interpreta suo figlio perché pare tutto tranne che suo figlio. Leonardo di Caprio, invece,  l'ho visto molto preso in questo rapporto, ma non posso dire il contrario perché Hawk mi dava l'impressione che serbasse del rancore verso suo padre per la perdita della madre. Quella parte non mi è stata molto chiara. 

Revenant non è un film per tutti. E' violento e sanguinario e molte scene non sono per i deboli di stomaco. Nel film è molto evidente come Hugh Glass fa di tutto pur di sopravvivere perché la vendetta è il motore che lo fa andare avanti, adottando anche misure estreme (c'è una scena con un cavallo che mi ha quasi fatto vomitare). Se siete coraggiosi, se avete un animo avventuriero e il sangue scenografico non vi impressiona, e se volete vedere il film con il quale Leonardo di Caprio VINCERA' l'Oscar, allora vi invito a vederlo, altrimenti... lasciate perdere

Bello ma molto violento

6 commenti:

  1. Il film è in questi giorni in programmazione nel cinema del mio paesetto, ma non penso che a questo punto andrò a vederlo. Poi lo so che resto traumatizzata. Ultimamente ho il cuore debole, io ;-)
    Però ho sentito tanti pareri più che positivi sull'interpretazione di Leo, quindi questa volta o vince l'Oscar o vince l'Oscar. Se hanno il coraggio di negarglielo anche questo giro, sono dei ***bip***.
    Quindi insomma deve vincere l'Oscar.
    Bella recensione, Violet!
    Buon week-end!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie tesoro! Se resti traumatizzata allora lascia perdere perché molte scene sono parecchio violente e disgustose. Non so se per sopravvivere avrei fatto tutto quello che fa il protagonista. °O° Comunque spero che Leo vinca l'Oscar, lo merita ^-*

      Elimina
  2. Violet, io devo ancora vederlo ma ho grandissime aspettative =)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Jes, allora fammi sapere quando lo vedi *-*

      Elimina
  3. Concordo pienamente: violenza gratuita a volte fin troppo esagerata e a mio parere non richiesta. Stacchi misteriosi su paesaggi mozzafiato, ma un po' a caso... Buh.
    Comunque mi è piaciuto ahah

    Colgo l'occasione per invitarti al nuovo GIVEAWAY organizzato sul mio blog, con in palio 7 fantastici ebook *-*
    Wow.
    Per dargli un'occhiata puoi cliccare qui c:
    Bene, scusa il disturbo ahah
    Rainy

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Rainy! Hai detto bene, troppo esagerate perché era impossibile sopravvivere in certi casi. A me invece i flashback proprio non sono piaciuti. Anche loro parevano messi a casaccio >_<
      Grazie per l'invito... vengo subito a vedere ;)

      Elimina

Caro lettore, leggere un tuo commento è per me una cosa preziosissima. Se il post ti è piaciuto lascia un segno del tuo passaggio, prometto che ti risponderò presto, e se ti va condividilo su Google+.
P.S. Se volete affiliarvi con Libri D'incanto mandatemi una mail o lasciate un commento nella sezione del menù "Affiliazioni". Non nel post, per favore.
P.P.S. Se volete farmi conoscere i vostri giveaway mandatemi semplicemente una email. Grazie ^-^