mercoledì 6 aprile 2016

RECENSIONE: "The Woden's Day" di Tania Paxia

Buongiorno people, come state? Ho sentito dire che sta per tornare il freddo, me lo auguro altrimenti sarà un'estate lunga e soffocante. Io e il caldo non andiamo per nulla d'accordo e voi non volete che io sia di cattivo umore tutto il tempo, vero? Dunque, oggi vi parlo di un libro che ho letteralmente divorato e voi sapete che i miei tempi di lettura non sono dei migliori, quindi è tutto dire. Sto parlando di The Wodens' Day l'ultimo lavoro di Tania Paxia, autrice prolifica e amministratrice del blog Nicholas ed Evelyn e il diamente guardiano. Conosciamo meglio Woden e Carter e il loro Woden's Day...

Titolo: The Woden's Day
Autore: Tania Paxia
Editore: Self-publishing
Pagine: 304
Prezzo: € 0,99
Acquistalo su: Amazon

"Siamo amici solo il mercoledì sera e quando non siamo in pubblico". (Woden Audrey Doolittle) 
Woden è una patita della chimica e dell'elettronica, piatta come uno skateboard, occhi e capelli di un castano normale e nessun segno particolare, a parte un dente scheggiato per colpa di una caduta sull'asfalto da piccola e il vizio di tingersi le ciocche di capelli di colore diverso quando ne ha voglia. Per il resto è una normalissima e anonima diciassettenne, un po’ maschiaccio, che ogni tanto d’estate si diletta ancora a correre sui marciapiedi con lo skate. Colleziona montature di occhiali da vista stravaganti e non è il massimo della bellezza, ma a lei va bene così. 
"Sono un pessimo amico del mercoledì". (Carter Fitzpatrick) 
Carter (Saetta) è un pilota Nascar e il suo sogno è di correre nella Spint Cup. È il 'non ragazzo' di Felicia Hadley, la diva del liceo, ma se la spassa con tutto il gruppo delle Cheerleaders, tranne Hannah Jones che per il momento sembra resistergli. Ma lui ama le sfide, anche perché i diciassette anni arrivano una volta sola e non ricapitano più. È una celebrità a scuola da quando in prima superiore era passato dal go-kart a roba più seria. Anche l’aspetto fisico, nel crescere, si era evoluto, facendolo assomigliare più a un bel ragazzo e non più a un ranocchio. Il primo passo era stato togliere l’apparecchio e dopo, tutte quante, erano cadute nella trappola del pilota biondo con gli occhi azzurri... 
Entrambi hanno un segreto: sono amici da sempre, ma non in pubblico. Si incontrano il mercoledì sera, a casa di Woden per prestare fede all'accordo stretto da bambini: il Woden's Day. Delle domande, però, iniziano a farsi spazio nei loro pensieri...Il Woden's Day poteva continuare fino al diploma, ma poi? Cosa ne sarebbe stato della loro amicizia senza l'unica cosa che li legava? 
Tra liti, tregue, battibecchi e incomprensioni, Woden con le sue 'teorie' e Carter con la sua 'pratica' cercheranno di trovare una soluzione al problema.


Recensione
Woden e Carter sono migliori amici da sempre, da quando erano bambini. Adesso frequentano il liceo e Carter non vive più nella casa accanto a quella di Woden perché i suoi genitori si sono separati e lui è andato a vivere con il padre. Carter è un pilota Nascar, passa il suo tempo libero nell'officina del padre o tra una cheerleader e l'altra, ma il mercoledì sera c'è il Woden's Day, una serata tra chiacchiere, pizza e film con la sua migliore amica. Woden è un genio della chimica e si diverte a preparare in casa soluzioni naturali come saponi e profumi. Ama andare a scuola in skate o in bici e lavora allo Starlight il cinema vintage dei suoi genitori, ma il momento della settimana che preferisce maggiormente è il mercoledì sera per il Woden's Day. Una serata in tutta tranquillità che lei e Carter hanno inventato quando erano soltanto ragazzini e che sono riusciti a mantenere per tutti questi anni. Ma c'è un problema: Carter e Woden si ignorano totalmente a scuola. Lui ha il suo gruppo di amici popolari e lei i soliti vecchi amici di sempre. La situazione cambia quando Woden comincia ad essere ossessionata dal fatto che il Woden's Day non durerà per sempre. Lei e Carter rimarranno amici una volta finito il liceo? Complice un intenso bacio le cose tra loro inizieranno a cambiare davvero...

Premetto che ero curiosissima di leggere questo nuovo lavoro di Tania Paxia perché la trama mi ha conquistato fin da subito. Nonostante non sia più avvezza alle storie young adult c'è sempre una parte di me che ricorda e rimpiange quei tempi in cui tutto era più semplice. Si viveva alla giornata e l'unico problema era preoccuparsi di studiare. Mi sono rispecchiata in molti tratti dell'amicizia di Woden e Carter. E' inevitabile perché l'autrice ha un modo di narrare molto scorrevole e semplice, giovanile, adatto alla storia e con quel tocco di spensieratezza che contraddistingue il genereInfatti ho letto il libro in soli due giorni e per me è un vero record. Per questo ed altre ragioni ho adorato questo libro, ma non nascondo un pizzico di delusione che mi ha suscitato la seconda parte del romanzo, quando Woden e Carter si lasciano finalmente andare e capiscono che la loro non è una semplice amicizia, ma un legame molto più sincero che nasce dal profondo. 

Woden è un tipo razionale e pragmatico, un vero maschiaccio. Non pensa all'amore perché è occupata a studiare, a lavorare allo Starlight vendendo popcorn ai suoi coetanei, a tingersi una ciocca di capelli ogni giorno di colore diverso e a passare il tempo in compagnia dei suoi amici o meglio ancora il mercoledì sera con Carter per parlare di tutto. Lui è un playboy incallito, non gli importa di essersi ripassato tutto il gruppo delle cheerleaders ma continua a farlo per divertimento e senza rimpianti. Sa che il suo atteggiamento è sbagliato ma cosa può farci? Lui non vuole ferire nessuno. Da piccolo Carter non era poi così bello, con i capelli tagliati a scodella e l'apparecchio ai denti, ma la sua popolarità è cresciuta a dismisura grazie alle gare con il go-kart e all'evoluzione del suo aspetto, facendolo passare da ranocchio a un bel ragazzo con i capelli biondi e gli occhi azzurri. Il rapporto tra Woden e Carter cambia nel momento in cui si scambiano un bacio quasi per scommessa e poi le cose degenerano fino a diventare ben più di semplici "amici per la pelle". Lei ha paura di perdere il suo migliore amico lui invece è convinto di volere qualcosa di più del semplice frequentarsi. 

La cosa che mi ha stupito è il cambiamento di Carter, di come si accorge di provare qualcosa di molto forte per la sua amica, al contrario di Woden  che ha paura di rovinare irrimediabilmente la loro amicizia. Per una volta è il ragazzo a pretendere e un vero rapporto, Carter ha capito di amare Woden e di non poter più stare senza di lei. Non nascondo che Woden mi ha fatto saltare i nervi in più di una situazione visto il suo modo di razionalizzare sempre tutto, e a questo punto la parte del romanzo che ho apprezzato di meno è quando Woden e Carter iniziano a fare sul serio. La storia inizia ad avere uno sviluppo più romantico e sexy e direi anche spassosa in un certo senso, ma mi aspettavo più intrighi adolescenziali, più discussioni, più suspense sentimentali, ecco tutto. Avrei inoltre voluto un maggior chiarimento su un paio di cosette, ma probabilmente la storia di Carter e Woden non è finita qui. 

In conclusione posso dire che il libro si è rivelato bello e scorrevole, divertente e romantico, un'amicizia che sboccia in amore puro

Aveva la mano calda e fu un sollievo sentire il suo calore sulla mia pelle fredda. "Ecco, adesso va meglio?" sussurrò, dopo aver ritirato la mano. 
Provai a muovere il labbro inferiore e le sorrisi, nonostante avvertissi un dolore lancinante. "Sì, grazie".
Mi sorrise a sua volta, ma il suo sorriso aveva qualcosa di triste. "Bene, sono contenta. Quindi adesso te ne puoi anche andare", si rabbuiò all'improvviso. "Buonanotte, Carter". E non lo disse certo con il suo solito tono dolce e spensierato, ma proprio con tutta la rabbia possibile, come se quel ‘buonanotte’ in realtà racchiudesse un bel ‘vaffanculo’. E me lo sarei pure meritato, visto che ero riuscito a rovinare anche il Woden’s Day, una delle cose a cui tenevo di più al mondo.

↓↓↓↓
Lettori carissimi spero che questa recensione vi sia piaciuta. Fatemi sapere cosa ne pensate e se avete letto altri romanzi di Tania Paxia. Vi aspetto nei commenti e ci rileggiamo venerdì. Un beso!

8 commenti:

  1. Sono contenta che ti sia piaciuto! *-* Grazie davvero! ♥

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma figurati. Attendo il seguito eh ^-*

      Elimina
  2. Ciao V! Uff, io invece vorrei una bella primavera (anche se tu mi odierai per via dell'allergia >-<).
    Bella recensione, mi ispirava già questo nuovo romanzo di Tania, anche se credo lo leggerò mooolto più in là, dato che al momento sono piena di libri, praticamente sommersa e con poco tempo da dedicare alla lettura u.u

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Amerei di più la primavera se non avessi questa allergia persistente >_<
      Ah ma devi leggerlo prima o poi. Ti aspetto al varco ;D

      Elimina
  3. Mi intriga parecchio *-* in realtà tutti i libri di Tania mi ispirano, ne ho qualcuno sul Kindle ma non mi sono ancora decisa ad iniziarli >_<

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E invece devi deciderti a leggerli mannaggia a te ;D

      Elimina
  4. Violet, mi hai incuriosita tantissimo con questa recensione, me lo segno subito *-*

    RispondiElimina

Caro lettore, leggere un tuo commento è per me una cosa preziosissima. Se il post ti è piaciuto lascia un segno del tuo passaggio, prometto che ti risponderò presto, e se ti va condividilo su Google+.
P.S. Se volete affiliarvi con Libri D'incanto mandatemi una mail o lasciate un commento nella sezione del menù "Affiliazioni". Non nel post, per favore.
P.P.S. Se volete farmi conoscere i vostri giveaway mandatemi semplicemente una email. Grazie ^-^