giovedì 27 aprile 2017

RECENSIONE: "Fangirl" di Rainbow Rowell

Ben tornati lettori, come accennato ieri oggi vi parlo di Fangirl il romanzo di Rainbow Rowell edito da Piemme, autrice che conoscete in molti per aver pubblicato con la stessa casa editrice i romanzi Eleanor e Park, Per l'amore basta un clic e più recentemente Carry On la fanfiction ispirata al mondo di Harry Potter scritta da Cath la protagonista di FangirlEra da tempo che avevo in serbo questa lettura che più volte mi è stata consigliata e con il pretesto della Challenge - Un anno di Romance - sono riuscita finalmente a portare a termine. Ho trovato questo romanzo molto realistico ma con un pizzico di magia che davvero non guasta eppure c'è qualcosa che non mi ha convinto del tutto. Vi spiego tutto nella recensione. 

Titolo: Fangirl (autoconclusivo)
Autore: Rainbow Rowell
Editore: Piemme 
Pagine: 516
Prezzo: € 17,00 ebook: € 6,99
Approdata all'università, dove la sua gemella Wren vuole solo divertirsi tra party, alcool e ragazzi, la timidissima Cath si trova sola per la prima volta e si rinchiude nella sua stanza a scrivere la fanfiction di cui migliaia di fan attendono il seguito. Ma una compagna di stanza scontrosa con il suo ragazzo carino che le sta sempre intorno, una professoressa di scrittura creativa che pensa che le fanfiction siano solo un plagio, e un affascinante aspirante scrittore che vuole lavorare con lei, obbligheranno Cath ad affrontare la sua nuova vita…




COSA NE PENSO
E finalmente posso dire anch'io di aver letto Fangirl perché la fama di questo libro non ha precedenti visto che se ne parla da anni, da quando è stato pubblicato in America nel 2013. E posso concordare con molti lettori di aver trovato una storia diversa, più realistica perché alcune tematiche trattate rispecchiano la società di oggi. La protagonista del romanzo è Cather una ragazza timida e introversa, un pò scontrosa nel trattare con i suoi coetanei. Cath ha una gemella di nome Wren che è il suo esatto opposto. Wren è estroversa e ama andare alle feste per divertirsi e ubriacarsi, vuole distaccarsi dalla sua gemella più chiusa e asociale. Cath e Wren stanno per iniziare il loro primo anno di collage ma il loro rapporto è cambiato, non è più lo stesso e non si parlano più come prima. Cath passa il suo tempo chiusa nella sua stanza a scrivere la fanfiction di un famoso romanzo per ragazzi, Simon Snow. Simon Snow è la cornucopia di Harry Potter e nell'immaginario della Rowell ha avuto lo stesso impatto letterario e cinematrografico del maghetto. Tutti gli adolescenti sono cresciuti leggendo le avventure di Simon e Baz e Cath è una nerd in materia, ha una vera e propria ossessione che l'ha fatta isolare dal resto del mondo. Indossa t-shirt con le frasi dei libri e sui muri della sua stanza ha appesi tantissimi poster, ma la cosa che ama fare di più è scrivere una storia d'amore immaginaria tra Simon e Baz e pubblicarla su un sito di fanfiction con il titolo Carry On, Simon seguito da migliaia e migliaia di lettori, tanto da aver generato un vero e proprio fanatismo

Cath condivide la stanza con Reagan che come Wren è il suo esatto opposto, ma Reagan ha un ragazzo di nome Levi e Cath non reagisce bene alla sua presenza perché lui è sempre tra i piedi. Invade la stanza con la sua altezza e il suo sorriso spensierato e ha la fissa di buttarsi sul letto di Cath e impicciarsi delle sue cose. Ma Cath non è una ragazza come le altre. Cath è timida e insicura, terribilmente insicura, non le piace stare in mezzo alla gente e ha paura di avere la malattia di suo padre. Cath non fa che preoccuparsi e prendersi cura di lui sopratutto dopo che lei e sua sorella hanno iniziato il college lasciandolo solo in casa. Dopo l'abbandono della moglie suo padre ha impiegato anni a riprendersi veramente e solo la presenza delle figlie riesce a non mandarlo fuori di testa. Mi è piaciuto molto questo lato materno di Cath, il fatto di volersi prendere cura di lui con tanta pazienza e amore mentre dall'altro lato soffre di ansia ed ha paura che la gente si stanchi di lei prima o poi. Come sua madre, come sua sorella. Per questo si rifugia nel mondo delle fanfiction ma l'unico in grado di sciogliere quel carattere a volte così orgoglioso e accedere al suo cuore è Levi. Levi, che con la sua dolcezza e allegria rende la vita più luminosa. Levi che fa di tutto per attirare l'attenzione di Cath, che cerca sempre di proteggerla ed esserle vicino quando ha bisogno di aiuto. Io sono una fan dei maschi alfa ma uno come Levi me lo sposerei di sicuro. Devo dirvi la verità, quando entrava in scena lui era tutto più bello. Lui e quel sorriso che dispensa a tutti, lui e la sua gentilezza, la sua comprensione, la sua difficoltà nello studiare, persino quelle sue camicie a quadri, tutto in lui è luminoso e piacevole, un vero e proprio angelo caduto dal cielo. Con Cath invece ho fatto estrema fatica ad entrare in sintonia proprio perché l'ho trovata indifferente alle persone ma non per colpa sua. Le ragioni del carattere di Cath e anche di Wran provengono dal passato. 
PER CONCLUDERE
Fangirl è un romanzo particolare che scorre senza colpi di scena, racconta la vita di tutti i giorni di un'adolescente con mille difficoltà, non c'è un vero e proprio nesso nella storia. Non è l'inizio e la fine di una storia, proprio no, come se l'autrice ci volesse raccontare chi è Cath e cosa fa, punto. Persino il finale non è un vero finale, tanto che quando ho girato l'ultima pagina mi sono chiesta "e adesso?". Pensavo terminasse in altro modo, in realtà mi ha dato la sensazione di aver concluso il racconto una giornata. Nonostante questo, il libro mi è piaciuto molto, lo stile della Rowell è semplice e scorrevole e ho apprezzato che alla fine di ogni capitolo ci fosse un pezzo delle avventure di Simon e Baz tratto dalla fanfiction di Cath o dal romanzo originale. Insomma, una storia bella, peccato che mi aspettavo quel qualcosa in più, tipo le mille avventure di Cath ma forse ho dato un senso sbagliato al romanzo. Un'altra pecca che ho notato è che avrei voluto sviluppare meglio alcuni personaggi, come Levi per esempio, o Reagan e persino Wran. Diciamo che per la maggior parte del tempo passiamo con le paranoie di Cath ma non è un problema se vi rispecchiate nel suo personaggio. In ogni caso, se ancora non vi siete decisi a leggerlo, vi consiglio di farlo perché ne vale sicuramente la pena e, nonostante tutto, ha un sua particolarità, una sua bellezza, un suo significato. 

BELLO

⇓⇓⇓⇓
Bene, eccomi giunta al termine di questa lunga recensione. Voi cosa ne pensate? Siete d'accordo con me oppure no? Leggerete il libro se ancora non lo avete fatto? Ci rileggiamo lunedì, carissime, purtroppo domani non riuscirò a postarvi un'altra recensione, i'm so sorry. Un beso! 

10 commenti:

  1. Be', tutto sommato è stata un'ottima lettura!
    Non vedo l'ora di leggerlo anche io :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono curiosa di sapere se a te piacerà ;D

      Elimina
  2. Ciao Violet! Da tanto mi ripeto di leggerlo e rimando sempre, spero di recuperarlo appena avrò smaltito un po' di arretrati, ho proprio bisogno di una storia stand alone piacevole =)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Jes, penso che a te potrebbe piacere come a me ^-*

      Elimina
  3. Ciao V! Non mi ha mai convinta del tutto, ma dopo la tua recensione potrei farci un pensierino. Lo metto in lista. Buon fine settimana! Bacioni 😙

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao bella, pensavo che lo avessi già letto ormai ;D
      Sì, in effetti questa recensione non convince nemmeno me *.*

      Elimina
  4. Ciao:)
    Mi sono ripromessa di iniziarlo tantissime volte e ancora non l'ho fatto :O. Non so cosa stia aspettando visto che lo osannano tutti, ma non sono ispirata >.<

    Ps. Vedo che Il mio sbaglio più grande"di Penelope Douglas è in lista d'attesa per essere recensito. Sono curiosa di sapere cosa ne pensi. A me è piaciuto moltissimo, ma in giro ho letto molte critiche. Aspetto di leggere il tuo pensiero :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Nicky, io invece ero ispiratissima, anche se lo rimandavo da mesi, e come vedi non l'ho trovato privo di difetti >_<
      Il mio sbaglio più grande a me è piaciuto tantissimo ma capisco le critiche. La protagonista l'ho trovata di un'antipaticità unica insieme a qualche altro personaggio... ma non mi aspettavo che fosse così hot ;D

      Elimina
  5. io ho amato tantissimo questo libro ma concordo con te che non ha un finale nè forse un inizio. E' proprio nello stile dell'autrice che già conoscevo e forse per questo me lo aspettavo. Capisco però il disagio. Sto leggendo Carry on ma invece non mi fa impazzire, peccato

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Carry on lo avete odiato in molti, come mai? A te cosa non convince?
      Io vorrei leggerlo ma mi blocca la mole delle pagine.

      Elimina

Caro lettore, leggere un tuo commento è per me una cosa preziosissima. Se il post ti è piaciuto lascia un segno del tuo passaggio, prometto che ti risponderò presto, e se ti va condividilo su Google+.
P.S. Se volete affiliarvi con Libri D'incanto mandatemi una mail o lasciate un commento nella sezione del menù "Affiliazioni". Non nel post, per favore.
P.P.S. Se volete farmi conoscere i vostri giveaway mandatemi semplicemente una email. Grazie ^-^