giovedì 30 novembre 2017

POPCORN: American Assassin

Ben tornate carissime. Piove, piove e piove. A raccolta tutta la pioggia dal cielo! In questi giorni poi fa un freddo bestiale e non riesco a riscaldarmi nemmeno davanti a un camino. Ma ditemi, cosa state leggendo di bello? Io questa settimana non posterò alcuna recensione librosa perché ho altri post in programma, tra cui domani torna il nuovo appuntamento con la Reading Challenge - Un anno di Romance - del mese di dicembre perciò occhio. 
Dunque, oggi torna la rubrica Popcorn e vi parlo di un film che ho visto al cinema proprio ieri, un action movie dei giorni nostri, attuale in tutto e per tutto. Sto parlando di American Assassin uscito la scorsa settimana e con protagonisti Dylan O'Brien, Michael Keaton e Taylor Kitsch. Il film è tratto dal romanzo di Vince Flynn dal titolo L'assassino americano edito da Fanucci per la collana TimeCrime. Pronti per scoprire complotti politici e missioni segrete? Allora vi lascio alla recensione. 

Sono una persona superficiale. Quante volte ve l'ho detto? Tante, ormai lo sapete benissimo perciò chiariamo subito la cosa: se non fosse stato per la presenza di Dylan O'Brien io questo film non me lo sarei filato manco di striscio. Sono rimasta intrigata dal trailer e dalla nuova fisicità di Dylan, tutto qui, non avevo grandi aspettative, eppure sono rimasta delusa su tutti i fronti. Ma prima voglio raccontarvi "qualcosa" della trama. Mitch Rapp (Dylan O'Brien) è sulla spiaggia di Ibiza assieme alla sua fidanzata Katrina quando un gruppo di terroristi inizia a sparare all'impazzata. La ragazza, a cui ha appena chiesto di sposarlo, muore brutalmente davanti ai suoi occhi. Il dolore, il trauma e il fatto di non aver potuto impedire la morte della giovane comporta in Mitch un cambiamento radicale. La rabbia e la vendetta lo portano ad allenarsi duramente in ogni momento della giornata e, grazie alle sue capacità, riesce a infiltrarsi in un forum dedicato alla Jihad. Vuole scovare i terroristi coinvolti nell'attentato e massacrarli tutti, in particolar modo il capo dell'operazione. Per un pelo Mitch viene salvato dalle forze della Cia e convinto a partecipare ad un programma di addestramento tenuto da Stan Hurley (Michael Keaton) un ex Navy SEAL che allena uomini allo spionaggio e al combattimento. L'addestramento è duro, Mitch non è in grado di rispettare gli ordini, eppure riesce a superare tutte le prove. Per questo Stan decide di farlo partecipare ad una missione segreta: dovranno rintracciare un potente criminale chiamato "Il Fantasma" che ha intenzione di usare l'arma atomica contro il popolo americano. 

Bravo, bravissimo Dylan. Ha interpretato un ruolo molto fisico perché nel film si susseguono ripetute scene da combattimento, un action movie più adatto ai maschietti che alle femminucce. Il suo personaggio è imprevedibile, determinato, fuori controllo e senza paura, come se, dopo la morte della fidanzata, non avesse più niente da perdere. Michael Keaton bravo nella parte ma ruolo assolutamente prevedibile. Taylor Kitsch mi è piaciuto di più nel ruolo de Il Fantasma. Cattivo, davvero cattivo, un assassino a sangue freddo, un vendicatore di se stesso. In sostanza posso dire che il film l'ho trovato in alcuni momenti noioso, prevedibile, niente di nuovo nel panorama cinematografico. Politica, spionaggio e combattimenti che avvengono tra Instanbul e Roma, un bello scorcio sulla nostra capitale, il bene che si sovrappone al male, la bellissima Piazza Navona che si sovrappone al quartiere malfamato di Corviale. Divertente la scena in cui un uomo parla in romanesco a Dylan. Il finale da brivido è la parte che ho apprezzato di più, per nulla scontato, anzi azzecatissimo, con degli effetti speciali davvero ottimi. In definitiva un film che non lascia niente dietro di se, ma tutto sommato guardabile, a mio avviso c'è sempre di peggio. Consigliato a chi adora il genere e a chi piace vedere un "nuovo" Dylan O'Brien. 

(due stelle e mezzo)
BRUTTINO

6 commenti:

  1. Diciamo che per certi versi è la "tipica americanata".
    Comunque l'ho visto anche io per Dylan O'Brien, che seguo dal 2011 e sono felicissima di vedere che si sta facendo strada nel mondo cinematografico perché secondo me ha davvero tantissimo talento.
    Dylan poi si stava ancora riprendendo dall'incidente sul set del terzo capitolo di The Maze Runner e per me gli effetti collaterali si vedono ancora tutti nella sua interpretazione, per me è stato quello a dargli quel "qualcosa in più".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi trovi d'accordo. E' un grandissimo attore e in questo ruolo mi ha davvero sorpreso. Spero ne faccia ancora molta di strada perché se lo merita. E poi è una persona "umana" e per nulla pomposa.
      Diciamo che da quando Dylan ha avuto l'incidente ha perso un pò quella sua spensieratezza >_<

      Elimina
  2. Oh-oh, mi sa che sono l'unica qui che non ha mai sentito parlare di questo Dylan O'Brien. A mia discolpa va detto che non guardo quasi per niente la tv. Al massimo qualche film in DVD, e di quelli vecchi anche. Però questo Dylan è proprio un bel figliolo. Che dici, recupero con questo film?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahah bè lui è l'attore che interpreta Stiles nel telefilm Teen Wolf e ha anche girato la trilogia di Maze Runner. Puoi scegliere da quale partire per primo ;D
      Questo film non è granché ma Dylan è proprio un bel pezzo di ragazzo... da vedere ;D

      Elimina
  3. Io sono felice che a Dylan O'Brien, nonostante interpreti il ruolo dello "sfigato" in teen wolf, non siano affidati solo ruoli di quel tipo perché come abbiamo visto anche in maze runner, è bravissimo a fare il cazzuto. Detto questo, il film mi ispira molto. Non sarà nulla di nuovo, ma una buona dose di azione non mi dispiace!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao bella! E' davvero bravo a fare il cazzuto e in questo film è una forza pazzesca. Mi piace come si muove, si vede che si è allenato molto. Maze Runner gli ha fatto bene ;D
      Io l'ho detto... se siete fan di Dylan questo film è assolutamente da vedere ^-^

      Elimina

Caro lettore, leggere un tuo commento è per me una cosa preziosissima. Se il post ti è piaciuto lascia un segno del tuo passaggio, prometto che ti risponderò presto, e se ti va condividilo su Google+.
P.S. Se volete affiliarvi con Libri D'incanto mandatemi una mail o lasciate un commento nella sezione del menù "Affiliazioni". Non nel post, per favore.
P.P.S. Se volete farmi conoscere i vostri giveaway mandatemi semplicemente una email. Grazie ^-^