mercoledì 9 maggio 2018

RECENSIONE: "La poesia dell'anima" di Patrisha Mar

Buongiorno care lettrici come state? Io bene non mi lamento. Qui da me il tempo è abbastanza indeciso, non sa se fare estate definitivamente (no no no) o se regalarci ancora un po' di primavera (si si si). Io opterei per la primavera almeno le temperature non sono eccessivamente elevate, e per chi non sopporta il caldo è la stagione ideale (io faccio parte di quelli che il caldo lo odiano). Mi si sa che il tempo fa come gli pare, qui si usa dire " el tempo l'è restà da maridar per no farse comandar" (il tempo è rimasto da sposare per non farsi comandare). 
E dalle vostre parti com'è la situazione? Ci sono detti particolari? Bene passiamo a cose più liete, il libro di oggi è "La poesia dell'anima" di Patrisha Mar.

Titolo: La poesia dell'anima Serie: autoconclusivo
Autore: Patrisha Mar
Genere: Contemporary Romance
Editore: Newton Compton
Pagine: 240
Prezzo cartaceo: € 9,90 Ebook: € 1,99

Giulio Dante è un giovane meccanico che vive ad Ancona, ha una passione segreta per la poesia e fa da padre al fratello Tommaso, che ha la sindrome di Down. Nella sua vita non c’è posto per l’amore, ma solo per avventure mordi e fuggi. Solo che Giulio non ha fatto i conti con il destino: sarà proprio una delle sue “avventure”, infatti, la prorompente Dafne, a presentargli Anna Prete, futura impiegata dell’officina. Chissà se il loro rapporto resterà puramente professionale…
Una storia d’amore delicata e romantica, in cui i protagonisti sono alla ricerca di se stessi e del proprio posto nel mondo. Sentimenti, voglia di riscatto, rimpianti, equivoci, paura, amicizia e amore: gli ingredienti perfetti per un romanzo che punta dritto al cuore.

RECENSIONE
Ci sono storie che ti entrano dentro come treni in corsa, che ti scatenano emozioni violente, e poi ci sono quelle che invece lo fanno in punta di piedi e ti accarezzano delicatamente l'anima. A volte non servono storie complicate, o che trattano argomenti forti, ma bastano quelle semplici, che narrano episodi di vita quotidiana. Storie dove i protagonisti non sono un miliardario con un passato oscuro da redimere e la donna che gli farà vedere la luce. A volte per emozionarti bastano un semplice meccanico con un'anima da poeta, ed una ragazza semplice con i piedi per terra. Una storia come quella di Anna Giulio e suo fratello Tommaso.

Giulio è un giovane meccanico che vive ad Ancona, un ragazzo come tanti ma con una passione segreta per la poesia. Dopo la morte dei genitori si ritrova a fare da padre al fratello Tommaso affetto dalla sindrome di Down. E' convinto che nella sua vita non ci sia posto per l'amore ma solo per avventure mordi e fuggi. E proprio una delle sue avventure, Dafne, gli presenterà Anna che diverrà una sua impiegata all'officina. 
Anna è una ragazza timida e semplice che all'inizio fatica a rapportarsi con Giulio, ma piano piano conoscendosi i due scoprono di non essere poi così diversi nelle cose che contano. La frequentazione di Giulio con la sua amica mette in difficoltà Anna, che si trova divisa tra l'attrazione crescente verso di lui e la lealtà nei confronti di Dafne, sua migliore amica. L'evoluzione del rapporto tra i due alterna fasi altalenanti e sfocia prima in una timida amicizia e poi in amore.


Questo libro è stata una piacevole lettura, merito della delicatezza e della semplicità della storia, ma anche per la caratterizzazione dei personaggi. Giulio è un ragazzo che nasconde dietro una facciata da “spaccone rubacuori” una sensibilità profonda e la paura di amare qualcuno che potrebbe perdere, come successo con i genitori. La sua vita gira tutta attorno al fratello, usa questa situazione come scusa per non impegnarsi in una relazione seria. Anna al contrario è una ragazza seria, non ha paura delle responsabilità e cerca l'amore vero, quello con la A maiuscola e non si vuole accontentare di niente di meno. Ma è la figura di Tommaso quella che mi è piaciuta di più. Nonostante sia affetto dalla sindrome di Down non si compatisce, vive la sua vita come chiunque altro. La sua visione candida del mondo lo porta ad impersonare una sorta di “grillo parlante” per suo fratello, aiutandolo a fare chiarezza nei suoi sentimenti.


L'autrice è stata bravissima, nel trattare il tema della diversità in modo delicato e positivo, cercando e riuscendo a farci vedere il mondo attraverso gli occhi di un ragazzo Down. I dubbi sul futuro, la voglia di trovare il proprio posto nel mondo, le aspettative, anche sentimentali, sono uguali per tutti. Consiglio vivamente il libro a chi abbia voglia di immergersi in una storia delicata e piena di sentimento senza essere melensa.

(quattro stelle e mezzo)
DELICATO

15 commenti:

  1. Ciao carissima! Ma lo sai che per un po' ero stata indecisa su questo titolo e poi lo avevo scartato, perché non ne ero convinta del tutto? Dopo la tua recensione, mi sa che lo rimetto in lista.
    Baci!!

    RispondiElimina
  2. Ciao cara,come stai? Come mai non ti convinceva? Spero se lo leggerai che ti piaccia..
    Baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non so perché, ma ero convinta che fosse un po' noiosetto. È chiaro che mi sbagliavo. Lo leggerò di sicuro.

      Elimina
    2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    3. Non è detto che ti sbagli, a me è piaciuto magari a te non piacerà. L'unica cosa da fare è leggerlo.
      Baci

      Elimina
    4. Già ordinato! Quando l'avrò letto, ti farò sapere che ne penso ;-)
      Baci

      Elimina
  3. so che l'autrice parla sapendo di cosa parlare, per esperienza personale. Sono molto curiosa di leggerlo

    RispondiElimina
  4. Ciao Chiara in effetti nelle note finali l'autrice fa cenno che è coinvolta in prima persona..

    RispondiElimina
  5. Ciao Morgana! Qui da me ha piovuto per quattro giorni, mentre oggi c'è un timido sole, anche se le temperature sono freschette ^^"
    Ammetto che l''avevo scartato a priori, senza soffermarmi troppo sulla trama... però la tua recensione mi ha fatto ricredere. Lo segno da prendere in biblioteca :)

    RispondiElimina
  6. Ciao Rosa qui al momento c'è un po' di sole ma già si scorgono in lontananza dei bei nuvoloni neri... Poi mi dici se ti è piaciuto il libro .
    Baci

    RispondiElimina
  7. Davvero una bella storia delicata che incuriosisce proprio perché i personaggi sono persone comuni e semplici...bella recensione! *Iris

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Iris .. A volte basta la semplicità per fare bella una storia.

      Elimina
  8. Felicissima che ti sia piaciuto, grazie :D

    RispondiElimina

Caro lettore, leggere un tuo commento è per me una cosa preziosissima. Se il post ti è piaciuto lascia un segno del tuo passaggio, prometto che ti risponderò presto, e se ti va condividilo su Google+.
P.S. Se volete affiliarvi con Libri D'incanto mandatemi una mail o lasciate un commento nella sezione del menù "Affiliazioni". Non nel post, per favore.
P.P.S. Se volete farmi conoscere i vostri giveaway mandatemi semplicemente una email. Grazie ^-^