mercoledì 13 giugno 2018

RECENSIONE: "Perché la notte appartiene a noi" di Amabile Giusti

Hello readers, come state? Sentite già odore di ferie?? Io purtroppo non sento nulla… mi sa che ho il nasino chiuso, colpa del mio raffreddore allergico. Fino ad agosto ferie per me è un concetto astratto. Ma per fortuna esiste il weeekend e anche se passa sempre troppo in fretta, mi aiuta a staccare un po’ la spina (non capisco perché il lunedì è così vicino al sabato ma il sabato è così lontano dal lunedì...uffa non è giusto). Io il fine settimana lo passo in montagna al fresco, in un paesino in mezzo ai boschi, a rilassarmi e ricaricarmi. Una sdraio dietro casa, il kobo bello stretto nelle mani e una bella arietta che mi concilia il sonno... et voilà la mia idea di paradiso!! E ci aggiungo anche un po’ di pet teraphy per allentare lo stress, i bimbi pelosi sono un ottimo scaccia pensieri (chi ne ha concorderà sicuramente). E voi mie care come siete messe? Ferie vicine vicine, mediamente vicine? O anche voi dovete cercare sul vocabolario la definizione di ferie come la sottoscritta? Quali sono i vostri trucchi per staccare dalla frenesia della vostra vita? 
Beh, il libro di cui vi parlo oggi mi è stato di grande aiuto a scacciare i sintomi dell’afa e della frenesia (almeno mentalmente parlando). Su su svelte!! Seguitemi che oggi ce ne andiamo tutte in Alaska!! Enjoy!!

Titolo: Perché la notte appartiene a noi Serie: autoconclusivo
Autore: Amabile Giusti
Genere: Contemporary Romance
Categorie: Amore/odio - Bad Boy - Cuore spezzato - Dramma - Seconde possibilità - Solitudine - Segreti - Emozioni 
Editore: Amazon Publishing
Pagine: 292
Prezzo cartaceo: € 9,99 Prezzo ebook: € 3,99 (gratis con KU)

La luce dell’aurora e il gelido buio dell’Alaska: sono Mira e Kade

L’inverno in Alaska è spietato: lo sa bene la giovane Mira Kendall che non si è mai allontanata da Noweetna, un villaggio di trecento anime. Per affrontare il buio perenne di quelle latitudini, la ragazza si è creata un piccolo mondo interiore ricco di luce: legge tantissimo, colleziona fiocchi di neve e sogna di vivere un grande amore romantico.
L’arrivo di Kade scuote ogni suo equilibrio. Lui è un trentenne tanto bello quanto inquietante: ha i capelli lunghi, un occhio verde e uno nero, strani tatuaggi perfino sul viso e sulle mani, e un pessimo carattere. Non socializza con nessuno, vive da solo su una vecchia barca arenata e nasconde di sicuro un terribile segreto.
Impossibile per loro non incontrarsi, così com’è impossibile per Mira non trovarsi combattuta fra due emozioni opposte. Una parte di sé disapprova Kade per i suoi modi sgarbati, e l’altra è irresistibilmente attratta dal suo fascino feroce e dal mistero che lo avvolge.
Lentamente, l’iniziale reciproca antipatia si trasforma in un sentimento inatteso, tanto profondo da travolgerli entrambi. Ma Kade ha troppe cose da nascondere. Quando il suo passato torna a minacciarlo, diventa necessario fare una scelta dolorosa che potrebbe separarli per sempre.

Una storia passionale e sensuale sullo sfondo di una terra selvaggia, fra due anime più affini del previsto, dapprima ostili, dubbiose, rabbiose, e poi follemente bisognose, gelose e affamate d’amore.

RECENSIONE
Conoscevo di nome Amabile Giusti, ma non avevo mai letto nulla di suo pertanto mi sono approcciata alla lettura senza grandi attese e senza preconcetti. Di questo libro mi hanno incuriosito la trama ma soprattutto l'ambientazione (e il miraggio di un po' di refrigerio almeno mentale). L' Alaska è una nazione che mi ha sempre affascinato, la trovo un paese selvaggio e misterioso (e fresco), quindi ho deciso di non farmi scappare questo libro. E avevo ragione, si è rivelato un'ottima lettura.

Mira è una ragazza giovane che ha sempre vissuto a Noweetna, un paese di trecento anime, un luogo dove a causa della latitudine il buio è quasi perenne. Per combatterlo la ragazza si è creata un mondo interiore luminoso, legge molti libri, colleziona fiocchi di neve e sogna l'arrivo di un uomo che la ami e che la porti via. Quando arriva Kade il suo equilibrio interiore viene incrinato, lui è un trentenne bellissimo con un occhio diverso dall'altro, capelli lunghi e pieno di tatuaggi (il classico bad boy). E' un solitario che vive in una vecchia barca arenata e che nasconde un mistero. Impossibile per i due ragazzi non incontrarsi e non interagire in un paese così piccolo. Mira si sente attratta dal lato selvaggio di Kade ma allo stesso tempo disapprova il comportamento di quest'ultimo. Tra i due inizia una relazione molto passionale finché il passato di Kade non torna a cercarlo…


Appena finito il libro ho provato a cercare su google Noweetna in Alaska ma non l'ho trovata, non so se sia stata inventata di sana piana o se magari visto che poco popolata non compare sulle cartine. Comunque sia è un peccato! Ero già pronta a prenotare il biglietto aereo per passare le mie ferie in quell'angolino di paradiso dove la temperatura è sul “freddo”, la natura è incontaminata, dove magari avrei potuto trovare un Kade tutto mio con cui godermi una bella aurora boreale. Purtroppo mi tocca rinunciare e accontentarmi dei sogni ad occhi aperti che mi ha provocato la lettura di questo libro.

Mira mi è piaciuta molto, è una ragazza forte e molto tenace, vive con una madre anaffettiva (a dir poco) e instabile (quando le fa comodo), che la ricatta emotivamente, e la maltratta come a volerle far pagare la fuga del marito, cercando in ogni modo di tarparle le ali. La sua vita è incanalata in una routine tranquilla che scorre lenta tra il lavoro all'emporio, le sue amiche e i suoi hobby (leggere e catturare fiocchi di neve). Insomma sembrerebbe una vita molto noiosa ed abitudinaria, ma per fortuna ha delle amiche molto in gamba che la aiutano a non lasciarsi sopraffare “dall'affetto” di sua madre.

Kade arriva a Noweetna, paese di poche anime, per fuggire da un passato e da un presente ingombrante. E' convinto di essere arrivato se non proprio all'inferno, molto vicino ad esso. E' un uomo tormentato e con molti demoni interiori a tenergli compagnia, il suo distacco dagli abitanti alimenta il suo fascino misterioso. Ed è questo suo modo di fare arrogante unito alla sua fisicità ad attrarre Mira ad un livello viscerale, nonostante lui sia quanto di più diverso lei abbia mai sognato e pensato di volere in un uomo.


Appena mi sono immersa nella lettura e per le prime (anzi primissime) pagine del libro ho pensato di essere finita nell'ennesimo libro dove lo stereotipo degli opposti che si attraggono la fa da padrone, ma mi sono accorta ben presto che non è così. Ho avuto l'impressione che l'autrice volesse “giocare” con i lettori dando questa impressione per poi stupirci con una diversa chiave di lettura. Ho avuto l'impressione che i due protagonisti si somigliassero più di quanto non credessero loro stessi. Sebbene le loro vite siano molto diverse e diverse siano anche le realtà da cuoi provengono, condividono diversi punti in comune, primo fra tutti la solitudine interiore. Come se le loro anime più profonde si fossero specchiate l'una in quella dell'altro e si fossero riconosciute come parte dello stesso insieme. L'ambiente circostante così puro ma al contempo selvaggio ha in parte influenzato i loro rapporti, rendendoli, almeno in principio, atti puramente fisici quasi senza sentimento. Sembra quasi che comportandosi in questo modo cercassero istintivamente di rubarsi la forza vitale l'un l'altro. Come se incasellare il loro rapporto nel sesso fine a se stesso, potesse aiutarli a proteggersi da quanto la vita riserva loro.

Mira è la prima ad accettare l'evoluzione del loro legame da puramente fisico a sentimentale. Invece Kade si rifiuta di ammettere di provare dei sentimenti per lei, e cerca di allontanarla da lui trattandola freddamente. E' convinto che, a causa delle azioni compiute nel passato, di non meritare l'amore di nessuno, e vista la situazione nella quale si trova non vuole essere responsabile della vita di un altro essere umano. Dopo varie peripezie Mira riuscirà a convincerlo che assieme sono più forti che non presi singolarmente, e che vivere insieme intensamente anche per un breve tempo è preferibile ad una lunga vita separati.


Questo libro mi è piaciuto molto, l'unica cosa che mi ha lasciato un po' perplessa è un evento narrato verso la fine del libro. Succede un fatto grave che da il via ad una serie di eventi importanti, ma non ho idea del motivo e del come si sia arrivati a quel punto, mi da l'impressione che sia quasi creato ad arte per fornire lo spunto decisivo al protagonista. A parte questo il libro merita di essere letto, lo consiglio a tutti coloro che hanno voglia di immergersi in una storia selvaggia e appassionata e in una natura incontaminata.

(quattro stelle e mezzo)
APPASSIONATAMENTE SELVAGGIO

6 commenti:

  1. Ciao Morgana, anche tu alle prese con l'allergia? E' un'epidemia. A me dà il tormento tutto l'anno, ma in questo periodo è peggio.
    Bellissima recensione! Per me i libri di Amabile Giusti sono una garanzia. Questo non l'ho ancora letto; me lo tengo da parte per i periodi in cui devo tirarmi su di morale. E onestamente ormai ci siamo, perché ultimamente ho infilato una serie di letture che non mi hanno convinta per niente.
    Baci!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Dyane, come va? Ebbene si anche io faccio parte degli allergici, oramai sono anni e anni. Non ti dico a cosa sono allergica...faccio prima a fare il contrario a dirti a cosa non lo sono... Mi spiace che le tue ultime letture non siano state piacevoli, io sono piuttosto fortunata le mie ultime letture sono buone..
      baci

      Elimina
  2. Ciao Morgana! <3 Ferie? Cosa sono, roba che si mangia? xD
    Ah, della Giusti ho letto solo Trent'anni e non li dimostro, e l'ho trovata piacevolissima. Questo romance ha una trama che mi intriga particolarmente, se poi intuisco che c'è un eroe tormentato... adoro!! :D Non vedo l'ora di leggerlo e sono contenta che ti abbia colpito in positivo ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah ah..Rosa benvenuta nel club!! Se ti interessa ci sarà una convention molto interessante "le ferie..Queste sconosciute" ;-p il libro devi assolutamente leggerlo .. Lui non è tormentato ..è tormentatissimo!!!😍😍

      Elimina
  3. Ciao, sono in vacanza (con il mio adorato cane oltre che alla famiglia) e questo libro è pronto nel mio kindle, spero piaccia tanto anche a me

    RispondiElimina
  4. Ciao Chiara, buone vacanze....poi fammi sapere se ti è piaciuto Baci

    RispondiElimina

Caro lettore, leggere un tuo commento è per me una cosa preziosissima. Se il post ti è piaciuto lascia un segno del tuo passaggio, prometto che ti risponderò presto, e se ti va condividilo su Google+.
P.S. Se volete affiliarvi con Libri D'incanto mandatemi una mail o lasciate un commento nella sezione del menù "Affiliazioni". Non nel post, per favore.
P.P.S. Se volete farmi conoscere i vostri giveaway mandatemi semplicemente una email. Grazie ^-^