mercoledì 11 luglio 2018

RECENSIONE: "La gemella sconosciuta" di Jane Robins

Buongiorno mie care lettrici, come state? Soffrite il caldo? Io non mi lamento per il momento resisto. L’altro giorno mentre ero al lavoro ho captato alla radio, con la “coda dell’orecchio”, una notizia piuttosto singolare. Prendete con le pinze quanto sto per dire... non so dove ma stanno pensando di legalizzare il matrimonio con il proprio animale domestico. Appena sentito mi sono piegata in due dalle risate e mi sono detta “certo che la gente è strana forte” poi però mi divertivo ad immaginare cosa potrebbe succedere. Siete pronte a seguirmi nei miei vaneggiamenti?? Innanzitutto se fosse vero potrebbe aiutare a diminuire il numero dei single. Poi pensate alla vita di coppia... Un’amica viene a trovarvi entra e vi dice “cara stai aprendo una colonia felina nel tuo giardino?” e tu rispondi “no tesoro sono i parenti di mio marito, sono passati a trovarci”. E se arrivasse una cartella di Equitalia... brividi e tachicardia. Si apre la raccomandata e…. “tesoro non hai pagato l’imu sulla seconda cuccia?? Ma non eri andato alla posta proprio l’altro giorno? Te ne sei dimenticato?? Beh, adesso ti conviene muoverti, qui c’è scritto che se non paghi subito ti pignorano il tiragraffi!”. 
Bene, dopo aver delirato, me ne vado, il mio futuro marito sta miagolando.... deve avere la ciotola vuota, corro non vorrei cambiasse idea sul matrimonio. Buon proseguo di lettura. Baci.

Titolo: La gemella sconosciuta Serie: autoconclusivo
Autore: Jane Robins
Genere: Thriller
Categoria: Mistery - Suspense - Thriller psicologico
Editore: Nord
Pagine: 332
Prezzo cartaceo: € 18,60 Prezzo ebook: € 9,99

Callie e Tilda sono gemelle, eppure non si somigliano affatto. Callie è single, goffa e impacciata. Tilda invece ha tutto ciò che manca alla sorella: è più bella, più ambiziosa, più carismatica. È un'attrice di successo e ed è fidanzata con Felix, affascinante uomo d'affari. Insieme sono la classica coppia da rivista, invidiata da tutti. Persino da Callie. Almeno finché Callie non si rende conto che, negli ultimi tempi, Tilda è sempre più magra, rifiuta ogni proposta di lavoro, passa il tempo rintanata in una casa ormai irriconoscibile, dove il suo allegro caos ha lasciato il posto alla precisione maniacale di Felix: tutto è nuovo, ordinato e così asettico da far paura. E poi ci sono i lividi sulle braccia, le reazioni esagerate di Felix per questioni da nulla. Preoccupata, Callie cerca in Internet forum di sostegno alle vittime di uomini dispotici, manipolatori e violenti: le storie di quelle sconosciute le sembrano fin troppo familiari e Callie si convince che la sorella sia in pericolo. Deve proteggerla, a ogni costo. Ma come, se Tilda per prima non vuole farsi aiutare? Proprio quando Callie ha l'impressione che la situazione stia precipitando, riceve una proposta da una delle donne del forum, una proposta che potrebbe risolvere in un sol colpo i problemi di entrambe. E Callie accetta, sebbene sappia di star imboccando una strada da cui non potrà più tornare indietro, nemmeno quando capirà di aver commesso un errore imperdonabile...

RECENSIONE
D'estate si sa che thriller & c. sono molto gettonati e così ho deciso di seguire la massa e mi sono letta un giallo, o perlomeno pensavo di leggerne uno. Se vi piacciono i thriller dove ci sono serial killer e tensione costante questo libro non fa per voi. "La gemella sconosciuta" rientra più in un giallo psicologico ed è poco "adrenalinico". Io l'ho trovato più volte "soporifero".

La storia inizia quando Tilda, gemella di Callie e attrice di successo, conosce Felix, bellissimo uomo d'affari, e lo presenta alla sorella. In principio Callie rimane affascinata dall'uomo ma poi vedendo i cambiamenti della sorella si insospettisce e comincia ad indagare su di lui e sul suo rapporto con Tilda. Mano a mano che si immerge nella vita della coppia, si convince che ci sia qualcosa che non va, o meglio si convince che Felix non sia esattamente quello che lui vuol far credere. Fino a quando vedendo la gemella sempre più deperita e con dei lividi sulle braccia si convince che sia vittima di violenze. Nel tentativo di aiutarla si iscrive ad un forum che tratta questo argomento, facendo la conoscenza di due donne, una delle quali le proporrà un piano che potrebbe aiutare entrambe. Callie rimane sconcertata e per quanto la proposta la tenti non se la sente di accettare. Ma poi Felix muore e lei si rende conto di aver commesso un errore enorme…


La narrazione è in prima persona, già qui ho storto un po' il naso (preferisco la narrazione in terza persona), e la voce narrante è quella di Callie. Tutto quello che ci viene raccontato è filtrato dalle sue emozioni reali o indotte che siano, perché nel libro ha ampio spazio anche la manipolazione mentale. Man mano che proseguivo nella lettura mi sono resa conto che la protagonista proprio non la sopportavo, l'ho trovata amorfa ed incoerente ed a tratti un poco inquietante. Ad esempio, dopo aver conosciuto il fidanzato della sorella e dopo averlo visto solo tre volte, e che in quelle tre volte non sia successo nulla di allarmante, quando vede che la sorella ha dei lividi sulle braccia lo accusa subito di averla picchiata. Esterna subito le sue convinzioni sul forum "Uomini violenti" al quale si era iscritta senza prima appurare quale sia il reale motivo di quei lividi e senza tenere conto dei trascorsi adolescenziali di sua sorella. Avrei trovato più plausibile se si fosse preoccupata ed avesse deciso di tenere d'occhio la situazione, ma lo saltare subito ad una conclusione del genere l'ho trovato un tantino esagerato e poco credibile. La vicenda non viene sviluppata attorno alla relazione "violenta" di Tilda con Felix, al contrario ho trovato che fosse usata più come uno spunto per dare risalto al rapporto tra le due gemelle.


Callie è ossessionata dalla sorella, in un modo morboso arrivando addirittura a tenere un “dossier” su di lei e a mettere in atto comportamenti altamente disturbati. 
Nella prima parte del libro si alternano fatti ambientati nel presente con fatti del passato, in particolare dell'adolescenza (problematica) delle gemelle con la madre, il padre non viene mai nominato, non si sa se sia morto o se semplicemente avesse abbandonato la famiglia. Callie lavora in una libreria part-time ed il fulcro di tutto il suo mondo è il rapporto che ha con Tilda, la quale invece ha una carriera di attrice emergente. L'entrata in scena di Felix altera il fragile equilibrio tra le due, portando Callie a sprofondare sempre più nella sua paranoia.... Fino a quando una delle partecipanti del forum le propone di risolvere il problema di Felix come nel film di Hitchcock "delitto per delitto". Dopo la morte di Felix, Callie comincia a sospettare che ci sia qualcosa di strano ed inizia ad indagare fino a raggiungere la verità.

Per fortuna il libro, così soporifero nella prima parte, da metà in poi o meglio dal funerale di Felix in poi, aumenta il ritmo un pochino senza comunque mai raggiungere la tensione classica di un giallo. I personaggi sono ben caratterizzati, ma il fatto di vederli e di conoscerne i comportamenti solo dai racconti di Callie li rende poco interessanti. Tutto sommato non è un brutto libro, ho letto di peggio, ma come giallo mi ha un po' delusa, mi aspettavo qualcosina in più. Se vi piacciono i gialli introspettivi e con un ritmo lento questo libro fa per voi.


MORBOSAMENTE OSSESSIVO
 

10 commenti:

  1. nuu, che brutto quando un thriller è soporifero!
    Sto ancora ridendo per le battute sugli animali domestici che forte

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guarda ho fatto fatica a finirlo, e concordo un giallo anche psicologico deve riuscire a tenerti incollato alle pagine... Sono contenta di averti fatto sorridere 😜😊

      Elimina
  2. Ciao bella! Da amante degli animali, ti dico col cuore che certa gente è completamente fuori di testa. Ma come si fa ad avere idee simili? Boh... misteri della psiche umana... comunque è anche per questo che tendo a preferire gli animali alla maggior parte delle persone. Ad ogni modo, è da un po' che ho voglia di leggermi un bel thriller, però questo qui non mi ispira granché, quindi penso proprio che passerò. Baci!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guarda parli con una che ha due gatti e li adora... E sono d'accordo con te.. Agli animali manca la parola . E a certi umani dovrebbero togliergliela... No guarda se vuoi un bel giallo leggiti la lack Berg o qualcos'altro .. Baci

      Elimina
    2. Io ne ho cinque... Mi informerò su questa autrice; sono curiosa :-)
      Dyane

      P.S. Io e Google non andiamo d'accordo

      Elimina
    3. uh abbiamo in comune i bimbi pelosi ;-) La Lackberg è una scrittrice svedese, i suoi libri fanno parte di una serie...a me sono piaciuti.. Fammi sapere se la leggerai.
      Baci

      Elimina
  3. Ma certo che ogni giorno salta fuori qualche cavolata ^^" Io amo le mie gattone, ma dovrei essermi fumata una bella dose di erba gatta per arrivare a sposarle... pensassero magari a degli incentivi e bonus per alimenti e medicine (ho appena fatto fare le analisi del sangue e l'ecografia alla mia Azzurra e ho speso sui duecento euro, una bella spesa improvvisa).
    Comunque... thriller, avrei voglia di un bel thriller... peccato che non mi ispiri nulla, neanche questo, già dalla trama eh :( Sono incontentabile, lo so Y_Y

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guarda credo che fumarti l'erba gatta non sarebbe sufficiente fartelo fare...per il resto ti capisco a volte ti costa di più curare i bimbi pelosi che non curare se stessi. Guarda se vuoi un bel thriller leggiti "la principessa di ghiaccio" della Lackberg, è il primo di una serie...baci

      Elimina
  4. Bene immagino già una donna all altare con il velo e un cane in cravatta, Un uomo con il frack e una capra con un bouquet d edera :)...cmq Sabrina ho apprezzato molto la recensione ...la storia incuriosisce e poi i gialli fanno molto estate :) *Iris anzi Daniela (X volontà mia e di Violet meglio non usare più il soprannome Iris)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Daniela, come va? In effetti d'estate il giallo lo si legge volentieri, forse perchè ci sono le ferie e quindi si è più rilassati a livello mentale... chissà.. il libro non è male e la storia incuriosiva molto anche me..
      buon fine settimana

      Elimina

Caro lettore, leggere un tuo commento è per me una cosa preziosissima. Se il post ti è piaciuto lascia un segno del tuo passaggio, prometto che ti risponderò presto, e se ti va condividilo su Google+.
P.S. Se volete affiliarvi con Libri D'incanto mandatemi una mail o lasciate un commento nella sezione del menù "Affiliazioni". Non nel post, per favore.
P.P.S. Se volete farmi conoscere i vostri giveaway mandatemi semplicemente una email. Grazie ^-^