martedì 4 luglio 2017

Teaser Tuesdays #48

E così, all'improvviso, ho deciso di rispolverare questa vecchia rubrica che non posto da una vita. Da dicembre dello scorso anno, pensate un pò. Forse per il fatto che sia passata un pò di moda o semplicemente perché ho preferito concentrarmi su altre pubblicazioni, sta di fatto che la Teaser Tuesdays è ancora tra noi carissime amiche! No, non sono ubriaca, è il mio sproloquiare irrefrenabile che mi fa dire scemenze! 
Dunque, oggi vi impongo un brano tratto da un libro super carino (non dico di più) e con una copertina decisamente ben fatta, anche se, nell'originale, c'era ben da vedere (clicca qui). Vabbé. Sicuramente è il caffè dell'altra mattina o il brodino di ieri sera che non ho ancora digerito perché ho questa sorta di allucinazioni.... to be continued..........................................

P.S. consiglio l'estratto a tutte le amanti dei gatti brutti 😸

Le regole sono:
  • Prendi il libro che stai leggendo;
  • Aprilo in una pagina a caso (chi ci crede è bravo);
  • Condividi qualche frase di quella pagina;
  • La frase non deve contenere spoiler;
  • Condividi il titolo e l'autore in modo che i partecipanti possano aggiungere il libro alla loro TBR list.

BOSSMAN
(autoconclusivo)

La serata si concluse presto perché tutti e due eravamo mattinieri. Tornata al mio appartamento, Tallulah, quella brutta gattaccia, mi fece morire di paura quando entrai in casa. Il suono della mia collezione di serrature che si aprivano era diventato il suo pavloviano richiamo all'azione. Il soggiorno era buio a parte due luminosi globi verdi che mi fissavano. Era appollaiata sullo schienale del divano ad aspettarmi quando accesi la luce.
<<Dio, sei davvero brutta come il peccato>>
<<Miao.>>
<<Lo so, lo so, non puoi farci niente.>>
Le grattai la schiena. Era una sensazione così strana senza il pelo. <<Che ne dici se ti prendo uno di quei cappottini per gatti? Magari qualcosa di smilzo e nero? Oppure qualcosa con della pelliccia sintetica, eh? Ti piacerebbe, bruttona? Ti serve un po’ di pelo su questa palla di lardo.>>
<<Miao.>>
La portai con me mentre eseguivo il rituale quotidiano dell’entrata: aprii tutti gli armadi e le porte, controllai dietro le tende e sotto il letto. Non trovai pericoli nascosti, quindi feci una doccia veloce e mi spalmai di crema idratante, dopo di che mi misi a letto. Tallulah balzò su e si piazzò sul cuscino accanto a me. Dopo una giornata lavorativa di quattordici ore più due Martini, avrei dovuto essere stanca. Ma non lo ero. Ero… eccitata. Al mio problema poteva esserci un facile rimedio. Ero sicura che non dovevo fare altro che invitare Bryant da me, e lui sarebbe stato lieto di prendersi cura dei miei desideri. Ma scelsi di restare da sola. Tallulah faceva le fusa accanto a me, poi mi diede una zampata in faccia. Io la ignorai e lei lo fece di nuovo. La seconda volta mi colpì il naso. Cedetti e le grattai la pancia color carne. Lei si rotolò sulla schiena per darmi libero accesso. Le zampe ripiegate sembravano ali. Ricordava davvero un tacchino crudo. Presi il telefono sul comodino e le scattai un paio di foto che intendevo inviare via email a mia madre l’indomani mattina, ma poi mi ricordai del messaggio che mi aveva mandato Chase la sera prima a proposito di Tallulah. Digitai un sms e allegai la foto di Tallulah a pancia all'aria.


REESE: Sono sicura che la sua gemella sia
una palla di lardo nel reparto surgelati di
qualche supermercato.

Era passato meno di un minuto, quando il telefono vibrò per l’arrivo di un messaggio.

CHASE: Ho dovuto rigirare il telefono più di una volta 
prima di capire cos’era. È una
micia davvero brutta.

REESE: Lol. Che si è accaparrata metà del
mio letto. È anche molto esigente e
continua a prendermi a zampate in faccia
se smetto di grattarla.

CHASE: Solo voi due in quel grande letto
stanotte?

Sapeva che avevo visto Bryant dopo l’ufficio.

REESE: Già. Solo io e la mia brutta gattina.
CHASE: Buono a sapersi.
REESE: Be’, sogni d’oro.
CHASE: Adesso puoi contarci. ’notte,
Tortina.

⇓⇓⇓⇓
Adesso prendo a sberle questi due scemi che prendono in giro quel povero tacch, ehm, gatto. Uniamoci in difesa di Tallulah! Alleluja, alleluja! Non penso sia stato il brodino a farmi questo effetto... Comunque! Aspetto i vostri pareri, eh. Avete letto questo libro? Si oppure no? Mi serve uno psichiatra! 

4 commenti:

  1. Brutti cattivi prendere in giro quella povera palla di pelo...ops volevo dire quella povera palla di pelle di pollo fatta da Apelle figlio di Apollo...;-PP io ho adorato Tallulah troppo forte, se la saranno tenuta? Ti sta piacendo questo libro??
    Kiss
    Morgana

    RispondiElimina
  2. Ma povera micia :3 E cattiva tu per averlo letto prima di me XP
    Certo però che "Tortina" nun se pote leggere! x"D

    RispondiElimina
  3. Da morir dal ridere 😃 io ho un gatto nero un po' grassotello e mia mamma mi dice sempre che se fosse rosa non saprebbe distinguerlo da un maialino 😆 Comunque devo assolutamente mettere le mani su Bossman il prima possibile! Sono sicura che lo adorero'.

    RispondiElimina
  4. io adoro questo libro, mi è proprio piaciuto. E ho riso qui

    RispondiElimina

Caro lettore, leggere un tuo commento è per me una cosa preziosissima. Se il post ti è piaciuto lascia un segno del tuo passaggio, prometto che ti risponderò presto, e se ti va condividilo su Google+.
P.S. Se volete affiliarvi con Libri D'incanto mandatemi una mail o lasciate un commento nella sezione del menù "Affiliazioni". Non nel post, per favore.
P.P.S. Se volete farmi conoscere i vostri giveaway mandatemi semplicemente una email. Grazie ^-^